Juventus Primavera, le 5 partite più belle della stagione

Il sito ufficiale della Juventus ha pubblicato un approfondimento sulla stagione della squadra Primavera, con le partite più belle.

Il sito ufficiale della Juventus ha pubblicato una nota con le cinque partite più belle della Primavera. Ecco l’approfondimento: “La stagione della Juventus Under 19 si è chiusa ai quarti della Fase Finale del Primavera 1, complice il pareggio contro il Sassuolo che ha cancellato i sogni di Scudetto degli uomini di Paolo Montero. Un’annata sulle montagne russe, sicuramente ricca di colpi di scena, con la rincorsa play-off nel girone di ritorno e diverse gare vissute con un vortice di emozioni assolutamente speciali. Ecco, quindi, i 5 match più iconici del percorso bianconero. #1 TORINO-JUVENTUS 3-4, LA RIMONTA DERBY NEL SEGNO DI KENAN YILDIZ Sesta giornata di campionato, si gioca il Derby della Mole. La Juve viene da un avvio molto positivo con 3 vittorie e 2 pareggi nelle prime uscite della stagione. I bianconeri, però, approcciano nel peggiore dei modi l’incontro: tre gol subiti nel giro di mezz’ora, con l’autorete del granata N’Guessan a ridare un briciolo di speranza. È 3-1 Toro all’intervallo. La gara non cambia fino a metà secondo tempo quando Montero decide di mescolare le carte con qualche sostituzione e i suoi ragazzi lo ripagano.

Prima Yildiz scaraventa in rete un cross basso di Turco per il 3-2, e poi 9 minuti più tardi è lo stesso Nicolò Turco a guadagnarsi un rigore fondamentale; sul dischetto si presenta Hujisen che trasforma e regala la parità al minuto 77. Con un punto in tasca e un Torino in totale confusione, la vittoria sembra alla portata. L’episodio chiave non si fa attendere: punizione radiocomandata di Rouhi al minuto 83 per la testa di Yildiz. Il turco di rabbia supera il portiere per la doppietta che completa la rimonta. Quattro a tre allo stadio “Silvio Piola” di Vercelli e Derby che si tinge di bianconero. #2 JUVENTUS-CAGLIARI 6-0, GOLEADA PER RIPRENDERSI DALLA PRIMA SCONFITTA Il primo ko stagionale arrivato sul campo del Bologna obbliga la Juventus a cercare subito la svolta nell’impegno della nona giornata contro il Cagliari. Con questi presupposti i ragazzi di Paolo Montero vogliono cancellare il passo falso e continuare a percorrere la strada di un campionato iniziato davvero in maniera esaltante. Pronti via e il match si mette subito in discesa: al 5′ minuto Luis Hasa stringe verso il limite dell’area e batte con un destro velenoso il portiere del Cagliari per l’1-0 immediato. La Juventus continua ad accelerare e, sull’assist di Yildiz, pochi minuti più tardi arriva anche il raddoppio: rete di Anghelè con un tiro forte e preciso. I bianconeri giocano sul velluto e trovano addirittura il terzo e il quarto gol entro la mezz’ora: prima ci pensa Hujsen su calcio di rigore, dopo poco tempo arriva anche il turno di Yildiz che si mette in proprio e, dopo uno slalom gigante, cala il poker sul campo di Vinovo. La ripresa viene gestita con ritmi più tranquilli, ma nel finale c’è comunque spazio per i gol di Turco e Mbangula con il risultato fissato sul 6-0. Sorriso ritrovato e prestazione collettiva di grande livello. #3 JUVENTUS-ROMA 2-1, NEL SEGNO DEL CAPITANO I giallorossi hanno appena vinto la Coppa Italia Primavera, i bianconeri sono nel loro peggiore momento della stagione con una sola vittoria nelle ultime 7 gare, una posizione in classifica fuori dalla zona play-off e la sconfitta appena registrata sul campo dell’Inter. Il desiderio di credere ancora nell’obiettivo finale, però, porta nuove energie alla Juventus.

A Vinovo piove a dirotto già dalle prime battute, tanti duelli in mezzo al campo con la Juve che prende subito in mano le redini della partita e al quindicesimo minuto passa a condurre grazie ad un bel suggerimento da sinistra di Turicchia che pesca la corsa di Nonge e il belga col piattone non sbaglia e fa 1-0. Reazione veemente della Roma che trova il pareggio grazie al tap-in vincente di Maichrzak su respinta corta di Daffara. Ai bianconeri il pari non basta, serve una vittoria per alimentare i sogni post season. Le due squadre si affrontano a viso aperto nel secondo tempo e a sbloccare la situazione ci pensa Andrea Bonetti: pallone recuperato sulla trequarti, dribbling in spazi strettissimi, duetto con Anghelè che di tacco confeziona l’assist, portiere saltato e rete del 2-1 con la firma del capitano. Gli ultimi minuti sono ricchi di tensione con la Juventus che potrebbe addirittura arrotondare, ma il risultato non cambierà più. I tre punti sono in cassaforte, con la pioggia che porta via le delusioni dell’ultimo periodo. #4 FROSINONE-JUVENTUS 0-1, VITTORIA DI MISURA NELLO SCONTRO DIRETTO Dopo la convincente vittoria contro la Roma, la Juventus è riuscita a strappare un buon pari sul campo del Lecce capolista e a conquistare il successo sul Napoli. Gli uomini di Montero si presentano a tre giornate dalla fine per il faccia a faccia in casa del Frosinone con l’intenzione di affossare definitivamente gli avversari diretti nella corsa play-off. Il terreno di gioco di Ferentino si presenta non in perfette condizioni per via della pioggia. La gara è da subito molto fisica, con i ragazzi di Montero che sfruttano una rimessa veloce di Turco per lanciare Mulazzi in campo aperto, l’esterno destro riesce con uno scavetto sul portiere a fare 1-0 al minuto 27. La partita con la regia sapiente di Bonetti e le scorribande di Nonge appare sempre in gestione, ma i bianconeri sciupano molto. Due legni colpiti (uno da Turco e uno da Nonge) e tante occasioni cestinate nella ripresa sembrano il preludio a una possibile doccia fredda nei minuti finali. La Juventus, però, non rischia mai, certifica la supremazia evidente sull’avversario e si fa bastare il gol segnato nella prima frazione. Play-off ad un passo e certezze che cominciano a solidificarsi. #5 JUVENTUS-MILAN 4-0, POKER D’ASSI E PLAY-OFF ASSICURATI Sull’onda lunga dello 0-1 in trasferta sul Frosinone, Montero e i suoi confermano i passi avanti fatti nell’ultimo periodo. Nella penultima giornata della regular season a Vinovo si presenta il Milan di Ignazio Abate, praticamente salvo e senza reali stimoli per fronteggiare i bianconeri. La Juve, invece, sa che una vittoria garantirebbe l’ingresso matematico nei play-off e, consci dell’occasione da cogliere, cominciano a macinare gioco sin dalle prime battute. Al 16′ è di nuovo Mulazzi a portare in vantaggio i suoi e ad aprire le danze per quella che sarà una giornata perfetta. Al 43′ il gol che taglia le gambe ai rossoneri lo segna Savona, rendendo la ripresa una pratica di ordinaria amministrazione. Il Milan prova a reagire, ma la Juve non ha nessuna intenzione di concedere la rete che potrebbe riaprire la contesa: nel finale Savona si concede addirittura il lusso della doppietta e tre minuti più tardi (all’ottantesimo) Turco mette il punto esclamativo per il definitivo 4-0. Non c’è spazio per altri acuti, Montero centra i play-off e la festa può cominciare”.