Juve, il Bournemouth sonda McKennie, ma il giocatore fa muro

Il centrocampista statunitense piace in Premier e potrebbe arrivare un'offerta importante con cui fare cassa, ma il giocatore non è convinto
Weston Mckennie

Il bilancio della Juventus è chiaro: il rosso da 239 milioni non consente colpi di testa. Per questo, in ottica mercato, il club bianconero vorrebbe realizzare una cessione remunerativa, per avere liquidità da sfruttare in entrata. La novità in tal senso è il sondaggio del Bournemouth per Weston McKennie. Il centrocampista statunitense piace molto in Premier League (anche il Fulham aveva chiesto informazioni).

Massimiliano Allegri stima il giocatore, che però sembra essere uno di quelli che ha più mercato, tra i cedibili. Del resto, non è la prima volta che si parla di lui in uscita. I motivi sono chiari: 24 anni, ingaggio sostenibile (2,5 milioni di euro), affidabilità e duttilità in campo, che lo hanno reso uno dei più utilizzati in questi anni.

Il sacrificio di McKennie consentirebbe cercare rinforzi in zone del campo dove ci sono delle lacune (per esempio sulle fasce). La Juventus però, proprio per tutti questi motivi, non prenderà in considerazione la sua cessione, se non per una cifra di circa 40 milioni di euro. Una cifra che esclude molti club e che può essere alla portata della Premier. L’opzione Bournemouth però al momento non ha trovato il gradimento di McKennie, che non si vorrebbe trasferire in una squadra di fascia bassa, nonostante l’offerta importante. In ballo ci sarebbe anche l’interesse di Borussia Dortmund, Chelsea e Tottenham: in tal caso il giocatore sarebbe ben disposto ad accettare.