stagione

Juventus-Bologna, la partita sarà arbitrata da Sacchi

L'Allianz Stadium

Designato il direttore di gara dell'incontro

redazionejuvenews

TORINO- Nella serata di Reggio Emilia, al "Mapei Stadium", la Juventus ha sollevato al cielo la nona Supercoppa Italiana della sua storia, portando così a dieci le stagioni consecutive con almeno un trofeo in bacheca. A decidere l'incontro sono stati i gol nel secondo tempo messi a segno da Cristiano Ronaldo ed Alvaro Morata, che hanno permesso ai campioni d'Italia di superare con un secco 2-0 il Napoli di RinoGattuso, reglando ad Andrea Pirlo il primo trofeo della sua giovane carriera di allenatore.

Dopo i meritati festeggiamenti, il club bianconero punta però subito il prossimo impegno in calendario: la sfida con il Bologna di domenica all'Allianz Stadium, ultima gara del girone d'andata di Serie A. Una partita in cui la vittoria è ritenuta un obbligo, visto che la Vecchia Signora in campionato viene dalla sconfitta rimediata a "San Siro" per mano dell'Inter domenica scorsa, quando gli uomini di Antonio Conte si sono imposti con il risultato di 2-0 grazie ai gol dell'ex Arturo Vidal e di Nicolò Barella.

La Juventus, attualmente, si trova al quinto posto in classifica a -10 dalla vetta occupata dal Milan di Stefano Pioli e a -7 proprio dall'Inter, ma con una partita in meno (quel famoso Juve-Napoli di cui si attende ancora l'ufficialità della data per il recupero). La Lega Serie A, nel frattempo, ha designato i direttori di gara della diciannovesima giornata di andata di questo campionato. A dirigere la sfida tra i bianconeri e il Bologna domenica alle 12.30 sarà il signor Sacchi, che sarà assistito dai guardalinee Vivenzi e Prenna e dal quarto uomo Ghersini. Al VAR designato il signor Calvarese, che sarà coadiuvato all'AVAR dal collega De Meo. Ma attenzione perché, nel frattempo, sono arrivate anche alcune importantissime notizie di mercato in casa bianconera: >>>> Ore caldissime, Alfredo Pedullà svela una grossa novità: svolta decisiva in arrivo! <<<<

Potresti esserti perso