JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve, senti Greggio: “Con i fagioli non puoi fare una zuppa di aragosta”

VENICE, ITALY - SEPTEMBER 07:  Ezio Greggio attends the premiere of 'The Journey' during the 73rd Venice Film Festival at Sala Grande on September 7, 2016 in Venice, Italy.  (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)

Sul proprio profilo Twitter il comico e grande tifoso bianconero ha commentato la sconfitta della Juventus in Supercoppa

redazionejuvenews

La sconfitta di ieri sera nei minuti finali contro l'Inter ha lasciato l'amaro in bocca a tutto il mondo bianconero. Vincere contro i nerazzurri campioni d'Italia e primi in Serie A era sicuramente un'impresa difficile, ma i ragazzi di Massimiliano Allegri erano ad un passo dal riuscirci. Una partita lunga e di sacrificio quella dei bianconeri, che hanno lottato dal primo all'ultimo minuto di gioco. L'errore di Alex Sandro nel finale ha però aperto le porte al gol di Alexis Sanchez, che ha condannato le speranze della Juventus.

Rammarico non solo tra i giocatori e i tifosi "comuni", ma anche tra le star. EzioGreggio, da sempre grandissimo tifoso bianconero ha infatti commentato sul proprio profilo Twitter: "Complimenti all’Inter che ha lottato fino all’ultimo e onore alla Juventus che con mezza squadra se l’è giocata, gli ha tenuto testa ed ha perso all’ultimo: se hai fagioli e barbabietole non puoi cucinare zuppa di aragosta. Comunque forza Juve ora e sempre". Nel frattempo, parlando di calciomercato, attenzione agli ultimi aggiornamenti. Borsino esplosivo, clamorose novità su ben 10 nomi: "Al primo posto c'è…" <<<

Dopo nove lunghi anni di dominio incontrastato sulla Serie A, ormai l'era della Juventus sembra essere giunta al capolinea. Come fa notare Greggio, la rosa non è più quella piena di stelle e campioni di un tempo. Massimiliano Allegri ieri sera ha sfiorato i calci di rigore con una squadra decisamente inferiore, dimezzata anche da squalifiche e infortuni, Cuadrado, De Ligt e Chiesa su tutti. Il primo trofeo stagionale è andato all'Inter, ma ora in casa Juventus non è il momento di piangersi addosso. E' un periodo di ricostruzione e i bianconeri dovranno rialzarsi in piedi subito, pronti ad affrontare il prossimo match. Sempre a testa, sempre fino alla fine.