Reina: “Questa settimana ho avuto sintomi riconducibili al coronavirus, ma ora sto meglio”

Reina: “Questa settimana ho avuto sintomi riconducibili al coronavirus, ma ora sto meglio”

L’ex portiere di Milan e Napoli ha parlato

di redazionejuvenews
Reina

TORINO – Pepe Reina, ex portiere di Milan e Napoli ora all’Aston Villa, ha parlato ai microfoni de “El partidazo de COPE” in merito all’emergenza coronavirus. Di seguito riportiamo le sue parole.

Sui recenti problemi di salute: “Ho avuto sintomi riconducibili al Coronavirus. Questa settimana ho avuto tosse secca, febbre e difficoltà respiratorie, ma adesso sto meglio”.

Sulla famiglia: “Mia moglie ha avuto due o tre giorni di crollo emotivo, i bimbi non hanno avuto nessun problema. Mio papà? Resta a casa, è un cittadino esemplare”.

Sull’attualità: “Con il tempo ho capito che è impossibile staccarsi. Seguo con più frequenza le notizie di attualità in Spagna, Italia e Inghilterra. Ho molta gente vicina e per questo mi interessa sapere quello che succede e le decisioni che vengono prese”.

Sul metodo per combattere il virus: “Più seguiamo le restrizioni, prima passerà tutto. Dobbiamo avere un atteggiamento serio sull’isolamento. Sono sicuro che da questa situazione ne usciremo più uniti e rafforzati”.

Sul rientro in campo: “Per ora non mi interessa il calcio, è passato in secondo piano. Il benessere dell’umanità, questa è la cosa più importante. È difficile tornare a giocare in questi momenti”.

Sulla possibile decisione di giocare a porte chiuse il resto del campionato: “Per me non ha senso giocare a porte chiuse, però bisogna scegliere ciò che è più salutare e sicuro per tutti”.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA JUVENTUS! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy