Marotta: “Con Braghin abbiamo creato la Juve Women”

L'ex amministratore delegato bianconero, intervistato ai microfoni di La7, ha raccontato la nascita del progetto vincente della Juve Women
Marotta, amministratore delegato nerazzurro

Il calcio femminile in Italia sta crescendo sempre di più. Da quest’anno la Serie A è passata al professionismo, traguardo importante per lo sviluppo di tutto il movimento. La Juventus, ormai da anni, è al vertice del calcio italiano femminile, con un progetto vincente senza rivali a livello nazionale.

Le Juventus Women, infatti, hanno vinto gli ultimi cinque Scudetti, portando a casa anche due Coppe Italia e tre Supercoppe italiane. Un dominio tricolore a cui si è aggiunta un’ottima figura nella scorsa edizione della UEFA Women’s Champions League, dove le ragazze di Montemurro sono uscite ai quarti. Un progetto di grande livello, che fornisce anche molte giocatrici alla Nazionale di Milena Bertolini.

Ai microfoni di La7, l’ex ad bianconero Beppe Marotta ha raccontato la nascita della squadra femminile: “Innanzitutto il fenomeno femminile lo conosco perché alla Juventus abbiamo creato la squadra con Braghin che ancora oggi è di alto livello, cercando di costruire un fenomeno che lavorasse nel contesto strutturale e organizzativo. A Milano c’è qualche carenza strutturale e le lacune sussistono, mi auguro che il nuovo governo ascolti queste deficienze. Lo sport è fondamentale per la crescita di tutti i ragazzi. Il lavoro del nostro club è proiettato alla creazione di una realtà importante a livello organizzativo”.