Barzagli: “Il ruolo del difensore è cambiato negli anni, il primo allenamento con la difesa a 3 un vero dramma”

Barzagli: “Il ruolo del difensore è cambiato negli anni, il primo allenamento con la difesa a 3 un vero dramma”

Le parole dell’ex difensore

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex difensore bianconero Andrea Barzagli ha concesso un’intervista a Cronache di Spogliatoio: “Il compito del difensore negli ultimi tempi sta cambiando. Prima si giocava prevalentemente a uomo, mentre ora il saper giocare il pallone dà più valore. Per me, però, il difensore deve prima saper difendere. Difesa a 3? Il primo allenamento fu un vero dramma. Io e Chiellini, abituati a fare i centrali nella difesa a 4, abbiamo cambiato il nostro modo di giocare nel corso degli anni. Ci sono anche alcuni che sono proprio dei difensori centrali a 4 e fanno fatica a giocare a 3, altri hanno altre caratteristiche e riescono a fare sia l’uno che l’altro. A 3 le prime volte con Conte è stato molto strano. Allegri? Con lui i carichi erano minori rispetto a quelli di Conte. Dani Alves? Ognuno ha il suo modo di concentrarsi, ogni tanto fa bene stemperare la tensione. Poi sono arrivate colonie di sudamericani con la musica a palla nello spogliatoio, anche se riesci sempre a restare isolato se vuoi. Dani Alves era abituato a mettere la musica a palla, abbiamo avuto un po’ di problemi con lui. A un certo punto gli dissero: “Guarda Dani, qui c’è chi vuole stare concentrato e chi meno” e quindi si metteva le cuffie. Poi alla fine entrava in campo e lo vedevi che era uno dei più concentrati”. Ma attenzione perché, proprio in queste ultimissime ore, sono arrivate alcune clamorose novità per il mercato bianconero. Spuntano due notizie totalmente a sorpresa: un nuovo attaccante e uno scambio da 25 milioni di euro! >>>VAI ALLA NOTIZIA

 

 

 

 

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA JUVENTUS! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy