Soulè: “Alla Juve non c’era spazio, voglio dimostrare di poter giocare”

Matias Soulè, attaccante della Juve in prestito al Frosinone, si è presentato in conferenza stampa: l'argentino ha parlato della sua scelta
Matias Soule

Matias Soulè, attaccante del Frosinone in prestito dalla Juventus, si è presentato oggi in conferenza stampa. Ecco le sue parole: “Ho aspettato fino all’ultimo di parlare col mister per partire. Mi ha convinto il progetto sportivo, avevo l’offerta da tempo e l’avevo già accettata perché mister e direttore mi avevano convinto subito dal punto di vista sportivo”.

Il giocatore ha spiegato la decisione di lasciare la Juve per questa nuova esperienza: “Prima di scegliere la squadra mi ha convinto il progetto, il poter giocare. Alla Juve ho giocato poco, quest’anno per me volevo l’opportunità di giocare e dimostrare. Non sarà facile ma faremo di tutto per la salvezza. Credo che sarà una stagione dura. Parlando con Enzo e Kaio prima di venire sapevamo che sarebbe stata dura.

Inoltre ha aggiunto: “Io sono per il fare gruppo, ho un lato che ho di famiglia. Enzo (Barrenechea, ndr) mi ha anticipato che qui è come una famiglia. Faremo di tutto per prendere più punti possibili e conquistare la salvezza.  Se ho parlato di Frosinone con Gatti? Ho chiesto a Gatti della società e della squadra. Mi ha detto di venire qui perchè si sta bene e i tifosi sono fantastici”.