JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Ancora niente minuti per Ramsey: la Juve lo vuole cedere

Aaron Ramsey

Ramsey verso la cessione

redazionejuvenews

Aaron Ramsey e la Juventus, due strade destinate a dividersi. Il giocatore gallese, da quando è arrivato a Torino nel 2019, non ha mai trovato spazio e continuità a causa dei suoi ripetuti infortuni che non lo hanno mai fatto abituare al gioco del campionato italiano. Anche nel match di ieri sera contro la Roma, Ramsey non ha collezionato nemmeno un minuto in campo. Sotto Maurizio Sarri forse il centrocampista ha reso di più, ma dopo poco e niente. Anche in questa stagione, sotto la gestione Massimiliano Allegri, Ramsey ha giocato pochissimi minuti. Inoltre, il suo stipendio pesa moltissimo sulle casse della Juve. Il giocatore percepisce infatti 7 milioni di euro netti all'anno, cifra astronomica in rapporto ai minuti che ha giocato in questi anni.

Proprio per questo motivo, i piani alti del club bianconero avrebbero deciso di piazzare e vendere Ramsey al primo club che mostri serio interesse per lui. In questo modo la Vecchia Signora si libererebbe di un grande scoglio sul monte ingaggi e potrebbe anche intervenire sul mercato per rinforzare ruoli dove fa acqua. Il gallese, infatti, non rende anche perché il tecnico livornese non lo schiera nel suo ruolo preferito (il trequartista, che nei moduli preferiti di Allegri non è previsto) e dunque è costretto a posizionarlo o da mediano o da mezzala.

Molti club inglesi si sarebbero già mossi per chiedere informazioni alla Juventus ma per ora nessuno avrebbe formulato un'offerta ufficiale. L'ultima squadra in lizza per il giocatore sarebbe il Newcastle che con la nuova ricchissima proprietà saudita potrebbe accontentare le richieste dei suoi procuratori e pagare tranquillamente l'intero stipendio del centrocampista. In attesa di cessione, intanto Ramsey cercherà di ritagliarsi il più possibile un piccolo spazio fino a gennaio con la Juve per dimostrare a tutta Europa di che pasta è fatto e che può giocare ancora ad alti livelli, come dimostrato a più riprese nella sua nazionale, il Galles. Le prossime settimane ci diranno di più su eventuali movimenti tra società.