Juve Next Gen, stop dei bianconeri: al Moccagatta passa il Lecco 2-0

La squadra di mister Brambilla ha perso, tra le mura amiche del Moccagatta contro la squadra lombarda, interrompendo la striscia positiva
juve next gen

In attesa della sfida tra la squadra di Allegri e lo Spezia, alle 12:30 la Juve Next Gen è scesa in campo in casa contro il Lecco. La squadra di Brambilla ha perso 2-0, interrompendo la striscia positiva. Il resoconto del match dal sito ufficiale della Juventus: La Juve scende in campo approcciando bene alla partita, segno che le scorie, soprattutto mentali, della grande qualificazione in Finale di Coppa Italia è alle spalle. Il primo pericolo al Moccagatta, però, arriva dai piedi di Buso, che all’11’ impegna Raina nella parata a terra. Come si diceva, però, la Juve c’è: al 13′ e al 15′ Da Graca e Palumbo impensieriscono la retroguardia del Lecco con due belle conclusioni da fuori area.

Il primo tempo è bello ed equilibrato, con occasioni da una parte e dall’altra: se al 20′ Pinzauti crea grattacapi di testa, i bianconeri rispondono con Turicchia dalla corta distanza al 26′ (palla respinta) e con Da Graca, che impegna il portiere ospite Malgrati 4 minuti dopo. Il Lecco accelera proprio sul finire del tempo: prima, al 40′, Raina ha il suo da fare per bloccare la conclusione di Pinzauti, e poi, 3 minuti dopo, il portiere bianconero non può nulla contro l’esterno sinistro angolato di Lepore, che in area juventina è letale e porta avanti i suoi.

La Juve ha un’intera frazione per recuperare, ma a partire forte, nelle prime fasi dopo il riposo, sono ancora gli ospiti: Zuccon, Ilari e Bunino si fanno vivi nel giro di pochissimi minuti e un paio di volte Raina deve fare gli straordinari per evitare la seconda rete. I bianconeri adesso accusano un po’ di stanchezza, il Lecco sembra in controllo e abbassa i ritmi, ma i ragazzi di Brambilla non riescono ad approfittarne e a parte un tentativo di Sersanti, alto, c’è poco da raccontare nel secondo tempo della Next Gen. La Juve accelera verso la fine: negli ultimi 10 minuti Lipari e Savona hanno due buone occasioni per pareggiare, e soprattutto Pecorino, all’84’, potrebbe impattare lo score, ma la sfera, calciata con una bella acrobazia, esce di pochissimo. Gol sbagliato, gol subito: all’88’ il Lecco la chiude in contropiede, con Doudou lanciato da Latki solo davanti a Raina. Battuta d’arresto, dunque, ma la Juve ha tutto il tempo per ricominciare il cammino, con la calma e l’ottimismo che questo periodo ha cementato, partita dopo partita”.