JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Montemurro: “Chelsea? Possiamo giocarcela con tutte, ho una rosa forte”

Joe Montemurro

Il tecnico ha parlato

redazionejuvenews

Joe Montemurro, allenatore delle Juventus Women, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Juve-Chelsea all'Allianz Stadium. Queste le sue parole: "Possiamo giocarcela con tutte, la cosa più importante è che ho una rosa forte, il lavoro è far sentire tutte importanti. Non sono solo le 11 che partono, ma c'è bisogno di cambiare. Crediamo nel nostro gioco, possiamo ancora crescere come collettivo. Approcciamo la partita con coraggio e andrà tutto bene. Il livello alto? Misuriamo la temperatura della gara e della situazione e questo è importante. Questa è una grande società e dobbiamo confrontarci con le grandi.

Approccio? C'è sempre qualche ritocco da fare, valutiamo le squadre contro cui giochiamo, le studiamo. Importante far capire che la nostra base è solida. Nelle partite ci sono diversi momenti, vanno sfruttati gli sbagli, chi li sfrutta meglio vince la partita, i margini sono pochi, soprattutto contro una squadra come il Chelsea. Bonfantini? Importante per noi, diventerà una calciatrice da nazionale. Guardando video con il direttore, ho visto 2 minuti di video e ho detto: prendiamola! Ha qualità immense. Deve trovare continuità, di stare ad alti livelli. Deve credere di essere forte e dimostrarlo. Chelsea? Mi aspetto una partita con grande spettacoloed emozioni, due squadre che vogliono giocare ad alto livello.

Emozione? Molto, è la prima all'Allianz Stadium. Ogni tanto devo pensare di non essere un tifoso della Juve e di essere l'allenatore di questa grande squadra. Complimenti alla società per aver preparato tutto questo. Campionato di Serie A? Molto tattico, ci sono squadre che ci hanno messo in difficoltà. Il confronto con il campionato inglese è che sono professioniste e hanno giocatrici di alto livello e dal punto di vista fisico e di intensità le partite sono sicuramente più intense che in Italia. La tattica, però, in Italia è di certo molto importante".