Moggi: “Vittorie e struttura migliore hanno portato all’odio per la Juve”

Luciano Moggi ha parlato dell'astio che storicamente ci sarebbe attorno alla Juve da parte dei tifosi e non solo di altre squadre italiane
Luciano Moggi

Luciano Moggi, intervistato nel Podcast Wolf di Fedez, ha parlato della Juventus. In particolare, l’ex dirigente bianconero si è soffermato sull’aspetto aziendale che contraddistinguerebbe la Vecchia Signora e che scaturirebbe reazioni d’astio nei confronti degli altri. Ecco le sue parole: “In Italia siamo propensi ad uccidere chi si eleva al di sopra degli altri. Per quanto riguarda l’azienda è strutturata in una maniera tale professionale e professionistica che difficilmente si può ritrovare nel calcio. Adesso sì, ci può essere l’Inter, il Milan, il Napoli…soprattutto l’Inter in realtà tra quelle che sono strutturate in un certo modo”.

Moggi ha proseguito: “La Juventus però ha sempre portato un cliché diverso nel modo di fare e di impiego dei giocatori, di tutto quello che attiene ad una società che si chiama azienda, non solo società sportiva. Questo fatto di aver vinto molto e di essere strutturata meglio degli altri ha portato l’odio”.