Maddaleni: “La Juventus di oggi figlia dell’arrivo di Giuntoli”

Massimiliano Maddaleni ha parlato della crescita della Juve in questa stagione: parte dei meriti andrebbero al nuovo ds Cristiano Giuntoli
Cristiano Giuntoli

Intervistato a Radio Bianconera, l’ex tecnico della Juventus Primavera Massimiliano Maddalena ha commentato i principali temi a tinte bianconere. L’allenatore ha esordito parlando degli episodi del match contro il Verona: “Parlarne dopo una vittoria permette di essere più tranquilli. Sul primo ormai credo che la tecnologia segnali il fuorigioco anche per un tacchetto. Rispetto al secondo, le immagini dimostrano che Faraoni messo l’arbitro nelle condizioni di sbagliare. Fortunatamente i bianconeri sono riusciti a segnare all’extratime e possiamo valutare questi episodi con serenità e un occhio meno critico”.

Sui miglioramenti intravisti nelle prestazioni di questa stagione, Maddalena attribuisce buona parte dei meriti all’arrivo del nuovo direttore sportivo. Più precisamente: “Il cambiamento  più importante è mentale. La Juve di oggi è figlia dell’arrivo di Giuntoli. Il dirigente ha parlato subito con Allegri per capire le criticità psicologiche del gruppo. Risolvendo quei problemi è stato messa la prima pietra per costruire la squadra che vediamo oggi. Lo scorso anno le questioni fuori dal campo hanno condizionato il rendimento dei giocatori. Sono stati poi recuperati elementi importanti. Innanzitutto Chiesa dopo le difficoltà legate al periodo post operatorio. Poi Vlahovic, anche se nelle ultime uscite ha reso meno rispetto all’inizio del campionato. La squadra inoltre ha un atteggiamento più propositivo, complice il baricentro avanzato di qualche metro. Tutti questi fattori hanno permesso alla Juve di essere seconda, meritatamente. Giuntoli ha creato i presupposti giusti affinché Allegri possa concentrarsi esclusivamente sul campo” .