JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Jugovic: “Vlahovic? Gli consiglio di andare alla Juventus, grandissimo club”

Dusan Vlahovic

Intervistato da Tuttosport, Jugovic, ex centrocampista di Juventus, ha parlato della squadra di Massimiliano Allegri

redazionejuvenews

Intervistato da Tuttosport, Jugovic, ex centrocampista di Juventus, Sampdoria, Inter e Lazio, ha parlato della squadra di Massimiliano Allegri: «Spero che i bianconeri tornino ad alzare la Coppa così non si parlerà più con così tanta nostalgia del mio tiro dal dischetto di Roma. La Champions è strana, magari la vinci quando meno te lo aspetti. Vale per tutti, anche per la Juventus». I bianconeri hanno enormi problemi in fase realizzativa e avrebbero bisogno di un attaccante di spessore, di un bomber d'area di rigore come Vlahovic: «Dusan è del 2000 e sta facendo molto bene con la Fiorentina e con la Nazionale. Assieme a Haaland è il centravanti Under 21 del momento. Sinceramente in Vlahovic rivedo un po’ Vieri, mio compagno nella Juventus, nell’Atletico e nell’Inter».

«È un ragazzo intelligente, saprà prendere la decisione più giusta per lui - ha continuato Jugovic. Poi, ovvio, se lo chiedesse a me, la mia risposta sarebbe scontata: consiglierei lui di andare alla Juventus, uno dei due club con cui ho vinto la Champions League e che porterò sempre nel mio cuore. Però una cosa è certa: con i serbi, e in generale con i giocatori dei balcani, difficilmente si sbaglia. Siamo gente che si adatta sempre bene ai cambiamenti. Guardate quel fenomeno di Corvino, dirigente con un fiuto immenso per i talenti, quanti affari ha fatto in Serbia. Non solo Vlahovic! Noi serbi da voi ci troviamo sempre bene... (risata).».

Chiosa finale sul campionato di Serie A, che quest'anno più che mai sembra ricco e pieno di emozioni: «A parte gli scherzi, a me il campionato sembra in continua crescita. La qualità è aumentata nonostante gli addii di Cristiano Ronaldo e Lukaku. Quando seguo le partite, penso a Milan-Inter dell’altra sera, mi diverto perché vedo tante cose, a partire dal lavoro di grandi allenatori».