JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Non solo Juve: l’Atalanta si prepara a sfidare Cristiano Ronaldo

BERGAMO, ITALY - MAY 12: Berat Djimsiti of Atalanta BC in action during the Serie A match between Atalanta BC  and Benevento Calcio at Gewiss Stadium on May 12, 2021 in Bergamo, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors.  (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

L'Atalanta si prepara ad affrontare il Manchester United dell'ex Juve Cristiano Ronaldo. Non sarà una partita facile

redazionejuvenews

Questa sera non scenderà in campo solo la Juventus (che affronterà lo Zenit), ma anche l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, che si prepara ad affrontare il Manchester United dell'ex bianconero Cristiano Ronaldo. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, la leggenda della Dea Massimo Taimi ha analizzato il match: «Per impensierire lo United, l'Atalanta dovrà fare l’Atalanta, come le è riuscito per circa un’ora a Old Trafford, dove ha messo sotto la squadra di Solskjaer. Cioè essere aggressiva, pressare alta, non lasciare l’iniziativa al Manchester. Non credo che una gara più accorta aumenti le chance della squadra di Gasperini stasera, soprattutto contro un avversario così pieno di stelle in grado di farti del male in ogni momento della partita. Il gioco è uno dei punti di forza della Dea e rinunciarci sarebbe un errore. Sulla singola partita i Red Devils non sono inferiori a nessuno, ma non mi sembrano ancora squadra, gruppo. Solskjaer sta cercando di trovare la chimica giusta e non è facile».

Alcuni sostengono che l'arrivo di Cristiano Ronaldo non sia stato positivo per la squadra inglese. Gestire così tanti campioni non deve essere semplice e sta creando non pochi problemi allo spogliatoio dello United. «Non sono d’accordo - ha esclamato Taimi. Stiamo vedendo alla Juventus la differenza tra avere CR7 e non averlo, soprattutto in termini di gol. E con lo United Cristiano sta segnando praticamente sempre».

Chiosa finale su Musso e De Gea: «Sono due grandi portieri, che per certi versi si assomigliano. De Gea ha vissuto una stagione sotto le attese lo scorso anno, ma le sue qualità sono indiscutibili. Non difendi la porta del Manchester United per più di dieci anni se non sei speciale. Il rendimento di Musso, invece, non mi sorprende: si è affacciato da poco al grande calcio, ma è senz’altro pronto e credo possa anche migliorare».