JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve, Allegri ora è in bilico. Arrivabene a un tifoso: “Lo paghi tu l’altro?”

Maurizio Arrivabene, nuovo amministratore delegato della Juventus
Dopo la sconfitta in Champions League contro il Benfica, ora la panchina di Allegri in casa Juve traballa. Possibile addio? Arrivabene ci scherza ma...

redazionejuvenews

L'alba del giorno dopo è sempre più dura. Dopo la sconfitta per 1-2 contro il Benfica, in casa Juve oggi tira una brutta, bruttissima aria. Era la partita da non sbagliare, la partita in cui i bianconeri avrebbero dovuto dimostrare il loro valore e portare a casa i tre punti. E la squadra di Allegri aveva anche cominciato bene, andando subito in vantaggio grazie al gol di Milik. Poi la catastrofe: prima il gol subito su calcio di rigore, poi il blackout e la disfatta.

Se da una parte i giocatori in campo non sono riusciti a rendersi pericolosi dalle parti del portiere avversario, dall'altra l'allenatore bianconero è stato completamente incapace di dare una svolta alla partita. Le sostituzioni e il cambio modulo non hanno aiutato la manovra, con il Benfica in controllo totale della gara per tutto il secondo tempo. Le voci attorno a un possibile addio di Max aumentano, anche se lui al termine della partita si è detto fiducioso: "Non mi sento a rischio, sono momenti che fanno parte del calcio".

Sarà, ma i risultati negativi cominciano a moltiplicarsi e Allegri ora dovrà cambiare qualcosa. L'alibi degli infortuni non può più bastare. Serve un svolta. Ma il tecnico rischia davvero di essere esonerato? La risposta più semplice è no, ma soprattutto da un punto di vista economico. Allegri ha infatti un contratto ricco e ancora molto lungo e la Juve non può permettersi di pagare un altro allenatore. A confermarlo, ridendo, è stato lo stesso Arrivabene prima della partita. Un tifoso dopo averlo fermato gli ha chiesto se avrebbero esonerato Allegri e l'amministratore delegato bianconero ha risposto scherzando: "Lo paghi tu poi quello nuovo?". Una battuta sì, ma c'è aria di crisi.