JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Guidi: “Chiesa? Sue caratteristiche lo rendono unico a livello nazionale ma anche in Europa”

Federico Chiesa

L'allenatore ha parlato

redazionejuvenews

TORINO - Federico Guidi, allenatore, ha parlato ai microfoni di TMW circa evoluzione di Federico Chiesa con la maglia della Juventus: "Mi aspettavo questo rendimento perché conoscendolo in modo approfondito, è uno che più aumentano le difficoltà intorno a sé e più alza il proprio livello. Le sue caratteristiche lo rendono unico a livello nazionale ma anche nel resto d'Europa. È un ragazzo ancora molto giovane e non ha finito la maturazione che lo porterà a essere un calciatore adulto. Ha ancora ampi margini di miglioramento che mostra volta volta anche in mezzo alle difficoltà. Anche in Nazionale ha già mostrato il proprio valore, tanto che Mancini lo ha sempre confermato come un titolarissimo della squadra. È veloce, forte fisicamente e ha anche una capacità di dribbling verso destra e sinistra che lo rende unico. Lui davanti ai microfoni dopo il Porto? Ha questa mentalità e questo approccio da sempre. Quando giocava nella Fiorentina di Paulo Sousa, che lo portò in prima squadra fin dall'inizio, decise comunque di prendersi la responsabilità di tornare in Primavera per la sfida proprio contro la Juve risultando decisivo. Ha una forte personalità e non fugge mai davanti alle proprie responsabilità".

 Federico Chiesa

Poi ancora: "Non si può sapere quale sarà il suo percorso dentro lo spogliatoio ma se guardo in prospettiva, non gli manca niente per assumersi questo tipo di responsabilità. È un ragazzo molto umile e che dimostra da sempre un grande spirito di sacrificio. Non mi stupirebbe vederlo leader anche in un grande club come quello juventino. Chiesa all'Europeo? Sarà un'arma letale per la maglia azzurra. È un giocatore moderno e non mi stupisce che Mancini punti forte su di lui. Il gioco della Nazionale si sposa a pieno con le sue caratteristiche e sicuramente sarà uno dei protagonisti".

Potresti esserti perso