Caso Juve, resp. ASL Iozzi: “Fagioli? Problema di salute fisica”

Adria Iozzi, responsabile ASL dipendenze gioco d'azzardo, ha commentato il nuovo caso riguardante il calciatore della Juventus Nicolò Fagioli
Nicolo Fagiol

Intervistata a Radio FirenzeViola, Adriana Iozzi, responsabile ASL per la dipendenza dal gioco d’azzardo, ha parlato del tema ludopatia. Argomento che pare affine al caso esploso in casa Juventus e riguardante Nicolò Fagioli. Ecco cosa ha detto: “È un problema economico e di salute fisica, perché investe tutta la famiglia e si allarga a macchia d’olio. Stiamo vivendo un momento di crisi, nel 2022 le raccolte sono state di 136 miliardi, quindi ancora di più rispetto al 2021. Sono aumentate del 22,3%. Il gioco d’azzardo ci dà l’illusione di poter vincere e ci fa credere che scommettendo si possono portare a casa i soldi. Un altro tasso allarmante riguarda il gioco online: oggi rappresenta il 50% del gioco, vale a dire 70 miliardi. Nel 2023 si fa una previsione di 80 miliardi solo di gioco online. Anche nelle scuole, grazie pure ai finanziamenti del gioco d’azzardo, ci sono degli indicatori evidenti che esistono già dei principi di dipendenza”.

Iozzi ha proseguito: “Nessuno è immune dallo sviluppare una dipendenza. Ci sono sicuramente dei fattori individuali ma anche legati al contesto familiare e quant’altro. Poi ci sono degli altri elementi: i nostri ragazzi parlano con l’azione, non verbalizzano. Per cui si palesano con i cambiamenti e le difficoltà scolastiche, ma anche con la richiesta di soldi. Con una buona osservazione troviamo un genitore, insegnante, allenatore in grado di riconoscere certi segnali”.