Calciomercato Juve, toto centrocampo: si riaccende la pista Diarra

L'offerta del Lens per Habib Diarra sarebbe stata rifiutata dallo Strasburgo: la Juventus tornerebbe in pista per il centrocampista francese
Cristiano Giuntoli

Dopo Leandro Paredes, Filippo Ranocchia e Arthur toccherà molto probabilmente a Denis Zakaria e Nicolò Rovella. Per lo svizzero mancherebbero di fatto solo le visite mediche e la firma del contratto da parte del giocatore; per l’ex Monza la trattativa con la Lazio sarebbe ancora in corso. Nulla però farebbe pensare che la Juventus da qui a pochi giorni non potrà affermare di aver sfoltito sei elementi del centrocampo (va aggiunta la cessione di Enzo Barrenechea al Frosinone ormai ai dettagli). E dopo così tanto smantellamento il tecnico Massimiliano Allegri potrà avere il mediano tutto muscoli e dinamismo, ma capace anche in gestione, tanto richiesto.

Diarra torna in pista per la Juventus

Non sarà ne Sergej Milinkovic-Savic, ma neppure Franck Kessie, volati nei caldi e ricchi lidi arabi della Saudi Pro League. Ci sarebbe Sofyan Amrabat, regista purosangue della Fiorentina. La richiesta dei viola però è alta e sul giocatore incombe la minaccia Premier League, in particolar modo dalla corrente Manchester United. Proprio dall’Inghilterra rimane percorribile l’opzione Thomas Partey che però di fatti sembrerebbe quasi un sogno utopistico per la Juventus considerata la richiesta dell’Arsenal e del giocatore stesso. Rimarrebbero quindi in piedi due piste: quella di Khephren Thuram, figlio di Lilian e fratello di Marcus, la cui valutazione del Nizza è però di circa 50 milioni di euro. L’alternativa allora sarebbe quella relativamente più economica di Habib Diarra, centrocampista naturalizzato francese in forza allo Strasburgo.

Il no dello Strasburgo al Lens per Diarra

Quella di Diarra si può dire una delle ultime idee partorite o quantomeno avallate da Cristiano Giuntoli. Intuizione che però sembrava doversi spegnere sul nascere considerato che, secondo quanto riportato da Tuttosport, il Lens ha provato a bruciare la Juventus con un offerta allo Strasburgo detentore del cartellino. A differenza di quello che però avevano affermato i media francesi appena ieri, l’offerta ricevuta è stata rispedita al mittente. I 14 milioni di euro non sarebbero sufficienti per Diarra. Inoltre, la stessa offerta era stata ricevuta precedentemente anche dal Wolsfburg. Notizia che rimetterebbe in carreggiata la Juventus. Il club bianconero sarebbe consapevole che nel caso recapitasse una proposta attorno ai 20 milioni di euro potrebbe ottenere il beneplacito dello Strasburgo.