JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Ancelotti sulla linea di Allegri: “Contano i titoli, non credo nel guardiolismo o nel sarrismo”

Carlo Ancelotti sulla panchina dell'Everton

Ancelotti come Allegri

redazionejuvenews

Carlo Ancelotti, allenatore del Real Madrid, ha parlato ai microfoni del Corriere dello Sport di vari argomenti tra cui le filosofie dei tecnici nel mondo del calcio: "Il calcio deve cambiare e deve farlo in fretta. Per prima cosa bisogna ridurre il numero delle partite, si gioca troppo e male, la qualità dello spettacolo è precipitata, i giocatori non ne possono più, alcuni rifiutano la convocazione in nazionale. Stanchezza fisica e mentale, uno sproposito di infortuni, partite che finiscono 10 a 0, è ora di dire basta. Meno partite, lo ripeto, e due finestre per l’attività delle nazionali.

Tempo fa ne ho parlato con Wenger. Sono sicuro che i giocatori sarebbero disposti a abbassarsi lo stipendio, se passasse la riduzione del calendario. Gli allenatori farebbero lo stesso. Oggi non siamo più in grado di lavorare e di incidere. Il calcio, così, non sta in piedi. Superlega? Nasce proprio dall’esigenza di un cambiamento sostanziale. Con la qualità aumentano anche i ricavi, il calcio torna a essere appassionante, ad attrarre i giovani. Filosofia? Le vittorie, i titoli sono l’unità di misura del lavoro dell’allenatore. Chiaro che giocando bene è più facile ottenere il risultato. Io diverto quando vinco. Ad ogni modo non mi ritrovo in alcuna sottocategoria. Il bravo allenatore è quello che adatta il gioco alle caratteristiche dei giocatori.

Se ho Modric e Kroos non posso pretendere di fare pressing alto. Sarei un idiota se con un attaccante come Vinicius, che ha un motorino sotto i piedi, non puntassi sul contropiede. Ti faccio un ultimo esempio: se davanti ho Ronaldo studio il modo di fargli arrivare spesso la palla, non gli chiedo di sfiancarsi con i rientri. Non ho mai coltivato un’ideologia. Il guardiolismo, il sarrismo. Il mio credo è l’identità di squadra. La Juve? Non è squadra da alti e bassi, il suo specifico è la continuità, non la bellezza. Periodo brutto, ma la crisi di risultati è fisiologica, la Juve è entrata nella stagione del rinnovamento, dopo tanti anni di successi. Per lo scudetto la corsa è a tre, non escludo il Napoli, anche se la perdita di Osimhen è grave".