Dal Pino: “Confermiamo richiesta di avere negli stadi il 100% della capienza con green pass”

Il presidente della Lega Serie A ha parlato
Dal Pino

[fncvideo id=670034 autoplay=true] Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A ha parlato al termine dell’odierno Consiglio di Lega Serie A circa la riapertura degli stadi in Serie A nella prossima stagione calcistica. Queste le sue parole: “Il dialogo e il confronto con le Istituzioni prosegue con l’obiettivo di modificare il decreto 105/2021 laddove prevede il 50% della capienza e comunque un distanziamento di almeno un metro negli stadi all’aperto. Confermiamo la richiesta di avere nei nostri impianti il 100% della capienza con green pass, in subordine riteniamo ci siano le condizioni per avere da subito una capienza effettiva al 50% con sedute a scacchiera in sostituzione del metro di distanza che determina una fruizione inefficiente delle strutture.

L'Allianz Stadium
L’Allianz Stadium

Consapevoli delle grandi sfide dell’Esecutivo, nei colloqui con le Istituzioni abbiamo evidenziato come la crisi prodotta dall’emergenza sanitaria e le misure restrittive conseguenti abbiano generato una rilevante crisi di liquidità nel calcio professionistico, mettendo in ginocchio un settore che può invece contribuire molto al rilancio del Paese da un punto di vista economico e sociale. Abbiamo sottolineato la necessità di misure e interventi dettagliati nella comunicazione odierna della FIGC”.

E proprio pochi giorni fa Francesco Costa, sottosegretario alla Salute ha parlato proprio della riapertura degli impianti sportivi in Italia, non accogliendo la proposta di Dal Pino: “C’è la consapevolezza che il calcio rappresenti un settore importante e c’è massima attenzione. Ho colloquiato con Gravina che mi ha esternato delle preoccupazioni. Ai cittadini dobbiamo dare prospettive e pensiamo ad una percentuale del 50% dei tifosi negli stadi. La volontà deve raggiungere altri numeri e rispetto alle percentuali applicate c’è stato un incremento. Per ciò che riguarda gli stadi la questione del distanziamento di un metro crea difficoltà. Da parte mia massima disponibilità, abbiamo qualche settimana per offrire al calcio una situazione che sia normale. Abbiamo l’obiettivo dell’immunità a fine settembre e da lì in poi potremmo guardare ad un paese che va verso la normalità”.