Women, le bianconere vincono in trasferta a Verona

La prima squadra femminile ritorna con i 3 punti dalla trasferta di Verona. Le ragazze di mister Montemurro rimangono a +6 sulle inseguitrici.

[fncvideo id=679923 autoplay=true]

La squadra femminile passa a Verona e mantiene il primato a 6 punti dalle inseguitrici. Di seguito il report della gara pubblicato sul sito ufficiale della Juventus: “Dopo il pareggio contro la Fiorentina, le Juventus Women tornano alla vittoria in campionato e riprendono la corsa in vetta alla classifica, davanti alle inseguitrici che continuano a provare a tenere il passo. In trasferta, contro il Verona, basta un gol per mettersi in tasca i tre punti: al 53′ autorete di Lotti, obbligata all’intervento disperato per evitare il tap-in di Nilden sull’assist di Staskova. Dopo il vantaggio, bianconere in dieci per il rosso a Zamanian al 63′. Finale in inferiorità numerica, quindi, ma eccezion fatta per la punizione di Cedeño su cui Aprile è attenta, zero rischi. Da segnalare il ritorno in campo di Linda Sembrant 274 giorni dopo l’ultima volta.

LA PARTITA

Mister Montemurro, per riprendere subito la corsa in campionato, si affida a Aprile tra i pali, Lundorf, Gama, Sembrant e Boattin in difesa, Rosucci, Grosso e Zamanian a centrocampo e Nilden, Staskova e Cernoia davanti. Oltre al ritorno di Linda Sembrant, menzione anche per la prima da titolare in maglia bianconera per Julia Grosso.

L’avvio di gara è esattamente quello atteso: la Juve fa la partita e cerca occasioni. La più grossa, al 7′, è sul piede di Sara Gama su assist di Grosso. La capitana bianconera, però, in corsa calcia alto. Il Verona non si scompone, non concede spazi e non permette al gioco della Juve di svilupparsi in modo fluido. Il primo tempo si trascina, così, su ritmi generalmente bassi, ma non mancano gli acuti. In particolare, al 36′, Boattin prova a inventarsi il vantaggio con una conclusione dalla lunga distanza destinata all’incrocio dei pali: Haaland vola ed evita il gol. L’altra grande occasione della prima frazione è sulla testa di Staskova che, però, da due passi, non riesce a indirizzare verso lo specchio.

Il secondo tempo segue a grandi linee lo stesso andamento. Fin dai primi istanti la Juve spinge in cerca del gol e al 50′ lo sfiora Nilden: conclusione con il sinistro che si stampa sul palo, con Catelli ad anticipare la possibile ribattuta di Cernoia. La stessa numero 7 accarezza ancora l’1-0 un minuto dopo, calciando con il destro. Ancora una volta Haaland c’è. Il gol sembra essere, però, nell’aria e alla fine arriva. Minuto 53, bellissima giocata di Staskova in area, cross forte con il sinistro verso Nilden, anticipata da Lotti che batte il suo portiere. Primo obiettivo centrato: match sbloccato.

Trovato il primo gol, la Juve va subito a caccia del secondo, ma al 63′ arriva l’episodio che rischia di complicare il finale: secondo giallo per Zamanian e finale da giocare in inferiorità numerica. L’accaduto dà coraggio al Verona che dalla punizione conseguente al fallo di Zamanian, con Cedeño cerca il pari su punizione. Aprile è attenta e respinge. La gestione del finale delle bianconere è da grande squadra. Sostanzialmente zero rischi e, anzi, diverse occasioni per raddoppiare. In particolare con le neoentrate Hurtig e Bonansea, ma il Verona se la cava sempre, prolungando fino all’ultimo secondo le sue speranze di pareggio. Non c’è spazio, però, per le beffe. La Juve vince e torna a casa con tre punti, riabbracciando anche Vanessa Panzeri, tornata in campo con la maglia bianconera nel finale di gara.

IL COMMENTO DI MISTER MONTEMURRO

“In dieci abbiamo sofferto un pochino, ma la prestazione è stata buona: abbiamo dominato con la palla e creato tante opportunità portando a casa i tre punti senza subire gol. Era importante questo ed è stato importante anche far giocare tanto Grosso e far tornare in campo Sembrant e Panzeri“”.