primo piano

Verso il Napoli, Pirlo studia alcuni cambi di formazione

Dejan Kulusevski

Ecco chi potrebbe scendere in campo

redazionejuvenews

TORINO- Una brutta Juventus quella che domenica sera ha perso il "derby d'Italia" contro l'Inter con il risultato di 2-0, arrivato per effetto dei gol dell'ex Vidal e di Barella. La squadra di Pirlo, dopo un ottimo inizio di anno nuovo, con le vittorie nell'ordine su Udinese, Milan e Sassuolo in Serie A e Genoa in Coppa Italia, ha così dovuto far fronte alla seconda sconfitta del suo campionato dopo quella per 3-0 contro la Fiorentina del 22 dicembre scorso. Non c'è però spazio per rimuginare sugli errori, perchè mercoledì ci sarà da giocare una sfida importante al "Mapei Stadium" contro il Napoli, che contenderà a Ronaldo e compagni il primo trofeo di questa stagione: la Supercoppa Italiana. Gli azzurri arrivano dall'altisonante 6-0 rifilato alla Fiorentina, dimostrandosi così sempre più avversario ostico. Per fronteggiare la minaccia partenopea, quindi, Andrea Pirlo sta pensando ad alcuni cambi di formazione rispetto all'undici sceso in campo a "San Siro" domenica sera.

Tra i pali confermato Wojciech Szczesny, mentre le prime variazioni dovrebbero esserci già nel reparo arretrato. Danilo sulla destra, Bonucci al centro a far coppia con Demiral (da valutare le condizioni fisiche di Chiellini). A centrocampo sulla destra dovrebbe esserci Chiesa, ormai sempre più titolare di questa Juve, mentre sulla fascia opposta potrebbe agire Bernardeschi visto l'infortunio di Frabotta. A formare la linea mediana con Bentancur dovrebbe esserci McKennie, in ballottaggio con Rabiot. In avanti confermata la coppia Cristiano Ronaldo-Alvaro Morata, vista anche la sicura assenza di Paulo Dybala, con Dejan Kulusevski che potrebbe agire alle loro spalle nel ruolo di trequartista al posto di uno spento Ramsey. Ma attenzione perché ci sono grosse novità di mercato in casa bianconera: >>>> Centrocampo da rifare, in estate via libera a cessioni e nuovi colpi: ecco tutti i nomi in ballo! <<<<

Potresti esserti perso