news

Tacconi: “Conte insiste con la difesa a 3 e per la Juve è meglio così. Vinceranno i bianconeri”

I giocatori della Juventus esultano nell'ultimo match contro il Sassuolo

Le dichiarazioni dell'ex numero uno juventino

redazionejuvenews

TORINO - Il "derby d'Italia" tra Inter e Juventus, che andrà in scena questa sera a San Siro, chiuderà la domenica della diciottesima giornata di andata di Serie A. Una sfida da sempre molto sentita quella tra i nerazzurri di Antonio Conte e i bianconeri di Andrea Pirlo, che vanno a caccia dei tre punti per avvicinarsi al Milan capolista, impegnato domani sera nella trasferta di Cagliari. Nel corso degli anni, sulle due sponde, sono stati diversi i grandi protagonisti che hanno preso parte a questa sfida. Tra questi anche Stefano Tacconi, portiere della Vecchia Signora a cavallo tra gli anni '80 e la prima metà degli anni '90, che ha analizzato così la partita ai microfoni di Sky Sport:

"Chi è più forte tra me e Frey? Sempre io. Punizione di Maradona? Per un portiere non può che essere un onore prendere un gol del genere, anche perchè è stato segnato da uno come Diego. Naizonale? Sono stato al gioco sapendo che sarei sceso in campo davvero in poche occasioni. La mia più grande soddisfazione è che, tra i pali della Nazionale, non ho perso neanche una partita, arrivando a giocarne nove. Rispetto a Zenga io ero più tranquillo perchè vincevo in Italia e in Europa, mentre lui no. Pronostico? Non dico che sarà abbastanza facile, senza il sostegno del pubblico quest'oggi sarà una partita molto delicata. Senza il tifo dagli spali non è calcio vero. So che Conte è un capoccione e insiste a giocare con la difesa a tre. Per fortuna della Juve, perchè i nerazzurri subiscono molti gol. Speriamo di farne almeno uno più di loro. Vinceranno sicuramente i bianconeri". Ma attenzione perché, proprio in queste ultime ore, sono arrivate anche alcune pesantissime novità di mercato in casa bianconera: >>>> Scatta l'allarme rosso: Juventus, stai attenta! Circolano notizie davvero preoccupanti <<<<

Potresti esserti perso