news

Magnanelli: “Vedrei bene alla Juve Traorè, ma anche Raspadori o Frattesi”

Giacomo Raspadori, attaccante del Sassuolo.

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il capitano del Sassuolo Magnanelli ha parlato di Allegri e dei possibili acquisti della Juve

redazionejuvenews

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il capitano del SassuoloMagnanelli ha parlato di Massimiliano Allegri. I due si sono conosciuti nella stagione 2007/08, quando Max allenava il Sassuolo in C1: «Allegri spesso andava a sciare e tornava giusto in tempo per l’allenamento. Praticamente arrivava con gli scarponi ai piedi... Avevamo un rapporto fantastico, eravamo un grande gruppo e abbiamo vinto il campionato per questo. Venivamo da una bella stagione con Remondina, bravo, vecchio stile. Allegri era molto più libertino e credeva tantissimo nei suoi giocatori. L’allenatore perfetto. In ritiro più volte si toglieva le scarpe e, scalzo, sfidava i portieri sulle punizioni. Oppure faceva la partitella con noi».

Ora in molti lo criticano per il suo gioco troppo difensivo: «Gli piaceva una squadra che gioca ma lui ha sempre badato al pratico. Di sicuro non imponeva un’identità tattica. E poi, tutto dipende dai giocatori: la sua Juve che dominava giocava bene a calcio. Ah, non gli è mai piaciuta la preparazione atletica. Noi vicino al campo avevamo una piscina, a volte ci lasciava col preparatore e andava a nuotare. Dionisi gli somiglia? Sì, assolutamente. Anche lui bada al sodo, non ha bisogno di sentirsi dire quanto è bravo o quanto gioca bene. Non è un esteta ma sa bene come si arriva al risultato».

Chiosa finale sul mercato: quale giocatore del Sassuolo vedrebbe bene alla Juve?«Dipende dal progetto. Raspadori può diventare molto forte ma, per me, alla Juve può giocare solo dietro a una punta nel 4-2-3-1, non può fare l’esterno. Allo stesso modo, Frattesi può giocare in un centrocampo a due però, se un club lo prende, deve usarlo da mezzala, ruolo in cui è devastante. Traorè, invece, è utile proprio perché può giocare in due posizioni. E poi, conta la personalità: giocare per la Juve è diverso che giocare per il Sassuolo. E questo Max lo dice sempre».