Ravezzani: “I cori del Milan vanno contro i principi del fair play”

Ravezzani si è espresso così riguardo i fatti che hanno coinvolti alcuni giocatori del Milan di rientro da Roma
Milan

Ecco il commento di Fabio Ravezzani dopo i cori anti-juve:La vicenda Leao ha scatenato come sempre commenti opposti in base al tifo. Semplicemente, intonare e postare apposta un coro sgradevole verso un’altra squadra va contro i principi di fair play e rispetto che pretende l’Uefa e lo sport in generale. Una multa sarà sanzione giusta. Che nel privato i calciatori intonino i peggio cori delle curve è affar loro. Ma che Leao ne renda pubblico uno offensivo verso la Juve sul suo profilo social è segno, nello specifico, di scarsa intelligenza. Esattamente come Dimarco nei confronti del Milan”.

Poi sui cori razzisti contro Lukaku all’Olimpico ha detto: “Due o 3 decerebrati non hanno nulla a che spartire con il Milan e la sua tifoseria. Non è compito del club prendere posizione, altrimenti dovrebbero farlo ogni settimana quasi tutte le società per i singoli. Ma si può risalire agli animali in questione e punirli con il Daspo“.

In chiusura: “Inter davvero implacabile. Segna 4 gol, non rischia mai. Thuram finalmente fa quello che tutti si aspettavano (altro che bravo, partecipa all’azione, va bene così. Sottotono solo Barella. Lautaro Martinez è una sentenza“.