Rabiot rientra a Torino: sei mesi per trattenerlo

Il calciatore francese è tornato dopo le vacanze a seguito della finale del Mondiale ed è pronto a scendere in campo
Adrien Rabiot

La Juventus sta continuando la sua preparazione alla Continassa in vista dell’inizio della seconda parte di stagione, che prenderà il via con la partita in programma contro la Cremonese il 4 gennaio. Prima del ritorno della Serie A, la squadra di Massimiliano Allegri chiuderà il 2022 con l’amichevole in programma domani contro lo Standard Liegi, per la quale lo Stadium verrà aperto ai tifosi, che potranno salutare insieme alla squadra l’anno che sta per finire.

La squadra bianconera ha intanto riabbracciato questa mattina Adrien Rabiot, vicecampione del mondo, tornato a Torino dopo i giorni di vacanza a seguito della finale contro l’Argentina. Il giocatore non dovrebbe essere della partita domani, e si metterà a disposizione di Allegri per essere pronto alla ripresa della Serie A. Oltre a quella sul campo però, la Juventus sta giocando con Rabiot un’altra partita, quella relativa al rinnovo del suo contratto.

La mamma-agente Veronique, ha chiesto alla società bianconera un aumento di ingaggio per continuare il rapporto: dai 7 milioni attuali che percepisce il giocatore a stagione, la richiesta è quella di salire a 10, cifra che la Juventus non sembra disposta a mettere sul piatto, soprattutto per le condizioni economiche e per il tetto ingaggi stabilito. I bianconeri non sembrano quindi avere molte carte da giocare per convincere il francese, e l’ultimo tentativo sarà fatto da Massimiliano Allegri, mentore del giocatore, e allenatore che lo ha rilanciato. Un cambio di rotta sembra improbabile però, con il giocatore che arriverà a scadenza a giugno e potrebbe lasciare il club bianconero a parametro zero.