Pellissier: “Mi hanno deluso Juventus e Inter, fanno fatica”

Sergio Pellissier, ex attaccante del Chievo, ha analizzato la situazione nel campionato di Serie A, parlando anche della Juve.

Sergio Pellissier, ex attaccante, ha rilasciato delle dichiarazioni a Footballnews24, parlando anche della Juventus. Ecco le sue parole: “Una su tutte l’Udinese. Andrea Sottil l’anno scorso ha fatto molto bene ad Ascoli: è un allenatore che ti da forza e grinta, ti fa dare tutto in campo e crea un bel gruppo. Questo mi ha sorpreso, sono contento per lui perché se lo merita. Mi hanno un po’ deluso Juventus ed Inter che stanno facendo fatica, sono quelle da cui mi aspettavo di più. Anche il Napoli mi ha sorpreso tra virgolette, perché Spalletti ha sempre dimostrato di saper fare gruppo, di saper creare una squadra valida. Credo che il Napoli giochi bene e che al momento meriti di essere in testa alla classifica. Credo che stia facendo un campionato straordinario, anche se è molto lunga…”.

Sul calcio moderno e le bandiere: “Adesso è un po’ più complicato. Non è più solamente il giocatore a scegliere la cosa migliore per sé: quindi lo stipendio più alto o la società più importante. Oggi sono le società che non vogliono, perché adesso è un business e perché adesso investire su un giocatore solamente perché è da tanti anni che è lì non conviene più a nessuno.

Quindi ognuno fa i propri interessi. Sicuramente non ci sono più i presidenti di una volta alla Moratti, alla Sensi o come lo stesso Campedelli dei primi tempi, quei presidenti che investono esclusivamente per il bene della società. Adesso un investimento è per un bene proprio, quindi per un guadagno proprio e questo incide sul valore della bandiera o sull’uomo. Quindi alla fine è giusto che ognuno faccia i propri interessi a partire dai giocatori. Se si rischia di rinunciare a guadagnare tanto e rinunciare ad andare in una squadra più importante per poi ritrovarsi senza squadra….”