Nerozzi: “La Juventus ricorrerà al CONI, escludo la Serie B”

Nerozzi ha provato a ipotizzare le prossime mosse che la Juve percorrerà dopo la sentenza del processo: probabile il ricorso al CONI

Ore di fiato sospeso nel mondo Juve, in attesa di conoscere il verdetto della Giustizia Sportiva sul processo plusvalenze. Ma mentre la maggior parte dell’attenzione rimane rivolta alla sentenza ormai prossima, c’è chi prova a ipotizzare le prossime mosse legali della Juventus. Un interpretazione è quella del giornalista Massimiliano Nerozzi, il quale si è espresso ai microfoni di Radio Bianconera. Ecco cosa ha detto: “La sentenza sulle plusvalenze dovrebbe arrivare nella serata di oggi. Mentre sulla manovra stipendi, se la sanzione arriverà entro il 30 giugno, verrà applicata alla stagione attuale. Leggendo le richieste di oggi bisognerà vedere come sarà giustificato il -11, ma è una richiesta che non mi sorprende. Da ciò che sappiamo adesso, porterà nuovamente la Juventus a rivolgersi al CONI, mentre continuerei ad escludere una strada fuori dall’ambito sportivo, ovvero il TAR”.

Nerozzi sull’afflittività

Il giornalista firma del Corriere della Sera ha proseguito: “Dopo aver seguito gran parte dell’inchiesta, la mia idea è che le plusvalenze siano un terreno scivoloso. Ma bisogna avere ben chiaro in testa che la contabilità di tutte le altre società di Serie A non quotate in Borsa risponde a regole diverse rispetto a quella della Juventus. Proprio perché quest’ultima è quotata”.  Nerozzi ha anche parlato del concetto di afflittività che rischia possa essere applicato alla Juventus. Secondo il giornalista: “Non va a comando, devi ricevere una sanzione proporzionale alla pena. Se la pena viene erogata in questo campionato e non provoca un danno diretto, passa al campionato successivo. Per cui non ha senso leggere di penalizzazioni assurde come i -20”.

Minaccia Serie B scongiurabile per la Juve

Infine, Nerozzi ha concluso: “Parlando di tempistiche, la Juve andrà sicuramente al Collegio di Garanzia. Poi c’è ancora il processo stipendi, si andrà sicuramente per le lunghe. Certo è un peccato che il club non abbia vinto l’Europa League perché in quel caso avrebbe davvero messo in grande difficoltà FIGC e UEFA. Una retrocessione in Serie B? vero che bisogna ancora attendere le richieste di penalizzazione in seguito alla manovra stipendi, che pure saranno corpose, ma mi sento di escluderla”. Una situazione intricata che appare lontana dalla sua fine.