news

Miretti: “Essere in Under 21 è un onore. Allegri mi ha dato tanti spunti”

Fabio Miretti

Il giovane centrocampista della Juve, fresco di convocazione con la nazionale Under 21, è stato intervistato da TuttoSport. Le sue parole.

redazionejuvenews

Fabio Miretti continua a raggiungere nuovi obiettivi. Il giovane centrocampista della Juventus, classe 2003, ha ottenuto la prima convocazione con l'Italia Under 21. Il suo commento: "Ovviamente ogni volta che si è chiamati in Nazionale è un onore e a maggior ragione con l'Under 21 per uno come me, che sono sotto età. Non posso che essere strafelice per questa convocazione. Mister Nicolato sta cominciando a conoscere il mio modo di giocare e nelle sedute ho avuto un'ottima impressione iniziale. Sono disponibile a giocare in qualsiasi ruolo a seconda delle esigenze".

Tra i giocatori di interesse nazionale chiamati a Coverciano da Roberto Mancini c'era anche lui, per un primo assaggio di nazionale maggiore: "È stata una bella esperienza, sicuramente mi ha fatto piacere che il mister mi abbia convocato. In realtà ho fatto solo un giorno, allenandomi il giovedì mattina. Abbiamo fatto una partitella undici contro undici, c'erano ovviamente giocatori forti e quindi è stata una partita di livello".

In questa stagione prima è stato uno dei punti fermi della Juventus Under 23 e poi è stato aggregato alla prima squadra, dopo i tanti infortuni a centrocampo: "Da quando ho iniziato ad allenarmi stabilmente con la prima squadra sono cresciuto molto. Ho avuto la fortuna di fare alcune partite da titolare ed essendo un tifoso cresciuto nel settore giovanile è stata un'emozione indescrivibile giocare con la squadra del mio cuore".

Il rapporto con mister Allegri, che lo ha lanciato anche da titolare nelle ultime gare di campionato: "Mi ha dato tanti spunti su cui lavorare. Sia dal punto di vista tecnico ma soprattutto sulla fase difensiva, che è un aspetto su cui posso ancora migliorare molto. Allegri e il suo staff mi hanno fatto capire quanto sia importante che io cresca in quel settore".

Sul suo prossimo futuro: "Non lo so, adesso i miei pensieri sono tutti alla Nazionale e poi all'esame di maturità".