JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Qui Malmo, Tomasson: “Contro la Juve venderemo cara la pelle”

MALMO, SWEDEN - FEBRUARY 27:  Jon Dahl Tomasson, head coach of Malmo  looks on during the UEFA Europa League round of 32 second leg match between Malmo FF and VfL Wolfsburg at Swedbank Stadion on February 27, 2020 in Malmo, Sweden. (Photo by Stuart Franklin/Bongarts/Getty Images)

Intervistato da Tuttomercatoweb, l'allenatore del Malmo Tomasson ha parlato in vista del match contro la Juventus. Gli svedesi ce la metteranno tutta per vincere

redazionejuvenews

Intervistato da Tuttomercatoweb, l'allenatore del MalmoTomasson ha parlato del match di questa sera: "Ho visto la partita contro il Genoa, hanno giocato bene e hanno fatto un bel lavoro nella fase a gironi di Champions. Abbiamo grande rispetto per la Juventus, un grande club con grandi giocatori e un top manager. Circa le difficoltà di quest'anno ricordiamoci che questa squadra ha sempre vinto lo scudetto nell'ultima decade, ma chiaramente le avversarie si sono attrezzate per colmare il gap. E qualificarsi in Champions giocando la Serie A non è facile, considerando le tante squadre di livello che competono, offrendo un calcio attrattivo e moderno. Dal canto nostro, noi siamo venuti per vendere cara la pelle e magari per sorprendere la Juve e l'intero mondo del calcio con un risultato favorevole".

Il Malmo è già automaticamente escluso da Champions e Europa League: "L'ambizione e il sogno di andare almeno in Europa League ci sono stati portati via da una decisione molto strana presa dal VAR e non abbiamo vinto come avremmo meritato. Era stata la nostra miglior partita del girone, ma abbiamo anche lottato alla grande in casa contro il Chelsea. Stiamo migliorando il nostro gioco e imparando giocando contro le squadre più grandi, e la nostra ambizione è quella di essere in grado di giocare il nostro stile di calcio moderno: fluido e in grado di cambiare continuamente, dominante con e senza palla. È così che voglio giocare a calcio. Ma ovviamente è molto più difficile contro le migliori squadre del mondo".

Con la partita di domani sera si chiuderà la sua prima esperienza da allenatore in Champions League: "Ho imparato che è difficile essere campione nazionale in un piccolo Paese - ha ammesso Tomasson. Intanto perché devi superare altri 4 campioni nazionali per arrivare alla fase a gironi. E per noi è stato un traguardo enorme aver superato il Ludogorets e soprattutto i Rangers, club che hanno una forza finanziaria di gran lunga superiore. Eppure ce l'abbiamo fatta, ci siamo qualificati in Champions League e ci siamo confrontati con le migliori squadre al mondo. Devo ammettere che le tre rivali incontrate provengono da un altro mondo rispetto al nostro, se parliamo di finanze. Ognuna di loro poteva schierare un giocatore che può facilmente valere quanto la nostra intera squadra".