Gli auguri della Juventus per i 54 anni di Massimiliano Allegri

Nel giorno del suo 54esimo compleanno, la Juventus festeggia Massimiliano Allegri. Ecco gli auguri del club bianconero.
Max Allegri

[fncvideo id=670034 autoplay=true]

Questa per la Juventus sarà la stagione della rinascita. Dopo 2 anni al di sotto delle aspettative, dove Sarri prima e Pirlo poi non sono riusciti a lasciare il segno, la dirigenza bianconera ha deciso di ripartire da una certezza: Massimiliano Allegri. Il tecnico italiano è stato richiamato sulla panchina della Juventus, pronto a riportare la squadra ai vertici del calcio europeo. Nel giorno del suo 54esimo, la Juventus ha deciso di festeggiare il suo allenatore con un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club:

Massimiliano Allegri torna a vivere un compleanno in bianconero! Il nostro Mister compie oggi 54 anni e festeggia all’inizio della sua seconda avventura alla guida della Juventus. Un’avventura iniziata con quell’entusiasmo e quella passione che avevamo imparato a conoscere e apprezzare nei primi 5 anni insieme. È, ovviamente, un compleanno trascorso al lavoro, nel pieno della preparazione e con i prossimi obiettivi ben chiari in mente. L’inizio del campionato è imminente e la sfida contro l’Udinese che inaugurerà la nuova Serie A rappresenterà la prima gara ufficiale da vivere di nuovo sulla nostra panchina, per cominciare ad andare a caccia di altre vittorie. Prima, però, in occasione dell’amichevole contro l’Atalanta, l’emozione di tornare all’Allianz Stadium insieme ai nostri tifosi che, intanto, ne siamo sicuri, si uniscono ai nostri auguri. Buon compleanno, Mister!

Per il nuovo allenatore bianconero non sarà un anno facile, chiamato a risollevare le sorti della Juventus. Il tecnico avrà a disposizione una rosa di assoluto livello, piena di campioni di livello internazionale, primo tra tutti Cristiano Ronaldo. Durante la loro prima esperienza insieme il rapporto tra i due non è stato dei migliori, con il fuoriclasse portoghese non abituato ad essere lasciato in panchina. Max è infatti un allenatore consapevole dei suoi mezzi, che non guarda in faccia nessuno e fa giocare quella che secondo lui è la formazione migliore. Scopriremo come si evolverà quest’anno il rapporto tra i due.