JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve, Rabiot e Kulusevski non convincono: addio in vista?

Dejan Kulusevski

In casa Juve la dirigenza bianconera sta valutando il futuro di Rabiot e Kulusevski: i due lasceranno Torino?

redazionejuvenews

Periodo di riflessioni in casa Juventus, che sfrutterà la pausa nazionali per riorganizzare le idee e prepararsi in vista del ritorno in campo. La vittoria contro la Fiorentina e il pareggio di Napoli e Milan possono far sorridere i bianconeri, ma la strada per recuperare il terreno perso è ancora molto lunga e tortuosa. La squadra di Massimiliano Allegri è infatti ottava in campionato e per recuperare servirà un cambio di rotta deciso. Il gioco bianconero funziona solo a tratti e non sempre sarà possibile vincere di 'corto muso'. La Juventus si aggrapperà al talento di Dybala e Chiesa per cercare di risollevarsi, mentre spera di recuperare al più presto il miglior Morata. Alcuni giocatori hanno invece deluso sotto ogni punto di vista e potrebbero lasciare presto Torino.

La dirigenza bianconera sta infatti valutando cosa fare di Rabiot e Kulusevski, due delle più grandi delusioni di questo inizio di stagione bianconero. Il centrocampista francese, reduce da una pessima prestazione contro la Fiorentina, non sembra trovare il suo posto all'interno della squadra. O meglio: Allegri ha deciso di schierarlo sempre come esterno sinistro di centrocampo, ruolo in cui il classe 1995 non riesce ad esprimersi al meglio. L'allenatore bianconero lo apprezza, anche se fuori ruolo, ma le prestazioni non soddisfano. La Juventus chiede 15 milioni di euro per il suo cartellino.

L'altro grande mistero di questo inizio di stagione è Dejan Kulusevski: che fine ha fatto lo svedese? Arrivato a Torino per 40 milioni di euro, il classe 2000 non è mai riuscito a convincere. Quest'anno 11 partite giocate in Serie A, soltanto due da titolare, zero gol e un solo assist. In un momento in cui la Juventus soffre terribilmente in fase offensiva, un giocatore con la sua qualità potrebbe veramente fare la differenza. Eppure partita dopo partita, lo svedese resta sempre in panchina. Addio in arrivo?