JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juventus-Fiorentina, Morata ancora a secco… Vlahovic pure

Alvaro Morata

In casa Juventus l'attaccante spagnolo continua a deludere le aspettative, ma ieri sera anche il sogno Vlahovic è rimasto a secco

redazionejuvenews

Nonostante la vittoria contro la Fiorentina, continuano i problemi offensivi della Juventus. Escluso il solito Chiesa, pericoloso in più di un'azione, ieri il resto dell'attacco bianconero ha faticato molto. In una giornata in cui anche l'incredibile Paulo Dybala è sembrato poco in partita, per fortuna a sbloccare il match ci ha pensato Juan Cuadrado, subentrato dalla panchina. La manovra offensiva della Juventus è troppo spesso lenta e sterile, incapace di rendersi pericolosa di fronte alla difesa avversaria. I bianconeri sembrano sempre dover fare i salti mortali per entrare in area, una situazione che è ormai al limite tra il comico e il preoccupante.

Anche ieri Alvaro Morata non è riuscito ad essere incisivo per la Juventus, al netto di un gol segnato in fuorigioco. La squadra di Massimiliano Allegri ha bisogno di un attaccante in grado di riempire l'area avversaria, il tipico giocatore in grado di finalizzare le occasioni da gol create da Dybala e Chiesa. Morata non è sicuramente questo. Lo spagnolo è il tipico attaccante che ha bisogno di guardare la porta, di spazio per attaccare la profondità. Per questo ieri l'ex Chelsea si è spesso trovato a ricoprire il ruolo di ala sinistra, pronto a rientrare sul destro e arrivare al tiro. I bianconeri però avrebbero bisogno di altro... avrebbero bisogno di Dusan Vlahovic.

Il bomber serbo ieri era l'incubo dei tifosi della Juventus. Sogno di mercato della squadra di Massimiliano Allegri, tutti all'Allianz Stadium erano pronti ad applaudirlo in caso di gol. Gol che invece non è arrivato. L'attaccante della Fiorentina ha combattuto per tutta la partita con De Ligt, uscendo decisamente malconcio dal duello. Al termine della partita il difensore olandese ha rivelato: "Vlahovic? È un giocatore molto forte e difficile da marcare, serve la collaborazione dei compagni per fare duelli, attaccarlo forte e questa è stata la chiave oggi per fermarlo".