Juve, Allegri: “Dobbiamo migliorare in fase realizzativa. Senza Chiellini…”

Intervistato da DAZN, l'allenatore della Juve Massimiliano Allegri ha parlato degli obiettivi in vista della prossima stagione
Massimiliano Allegri

Intervistato da DAZN, l’allenatore della Juve Massimiliano Allegri ha parlato degli obiettivi in vista della prossima stagione: “La differenza deve essere nel raggiungimento degli obiettivi, che sono sempre i massimi. Un conto è partirci, un conto è poi arrivarci. Il discorso è sempre lo stesso, vincere è una cosa straordinaria e non una normalità come lo era diventato per la Juve e forse non aver vinto niente l’anno scorso ci porterà quest’anno a rivalutarla come cosa straordinaria”.

Uno dei più grandi problemi della passata stagione è stato il gioco messo in campo dalla formazione bianconera, troppo spesso difensivo e incapace di chiudere le partite.Dobbiamo migliorare soprattutto l’aspetto realizzativo – ha confermato Allegri, con l’undicesimo attacco del campionato è normale non poter vincere. Fino a 5 gare dalla fine avevamo subito 25 gol, in linea come numeri per vincere, ma purtroppo ci sono mancati i gol davanti. Adesso vediamo come gestiremo l’assenza di Chiellini che con la sua esperienza era importante. De Ligt è andato via, ma nel calcio non si sa mai, ci sono le sorprese. Chissà, magari Gatti diventerà il titolare della Juventus. Poi sono sereno, la società è sempre presente”.

Per migliorare in fase realizzativa si spera siano utili gli innesti di Pogba e Di Maria, due giocatori di altissima qualità che dovrebbero far alzare il livello tecnico della squadra. Nella seconda metà di stagione, infatti, Dusan Vlahovic è sembrato molto spesso troppo solo in attacco, lasciato a combattere contro tutte le difese avversarie. Gli inserimenti di Pogba e la classe di Di Maria potrebbero quindi diventare decisivi. Per quanto riguarda la difesa, invece, i bianconeri dovranno fare i conti con due addii pesanti come quelli di Chiellini e De Ligt: Bremer riuscirà a non farli rimpiangere? Il difensore brasiliano la scorsa stagione è stato premiato come il miglior difensore della Serie A, le premesse per fare bene ci sono tutte.