gazzanet

Wanda Nara: “Mio figlio piccolo tifa Juventus. Mauro potrebbe andare in ogni squadra”

Wanda Nara

La procuratrice ha parlato

redazionejuvenews

TORINO - La procuratrice Wanda Nara, moglie e agente dell’attaccante del PSG Mauro Icardi, ha parlato intervistata dai microfoni di Piero Chiambretti nel corso del programma La Repubblica delle Donne.

RAIOLA - "Mi piace tantissimo perché dice quello che pensa, oltre che essere molto bravo in quello che fa. Non l'ho mai incontrato, mi ha scritto molte volte e penso che un giorno lo incontrerò.”

FURURO - "Penso che uno come manager deve sempre pensare alla cosa migliore per la sua azienda. Un giocatore come Mauro che fa 30 gol a stagione va benissimo in qualsiasi squadra. Per me è stato facilissimo avere uno come lui accanto ma Mauro potrebbe andare in qualunque squadra anche senza di me.”

SESSISMO - “Si deve cambiare questa cosa. Nel 2020 non si possono sentire queste cose sulle donne, siamo tutti uguali e pensiamo tutti alla stessa maniera. Noi donne spesso siamo sottovalutate ma è ora di cambiare.”

MAXI LOPEZ - "Prima di tutto, lo ribadisco, io ho lasciato Maxi, sono tornata in Argentina e solo dopo ho iniziato una storia con Mauro. Avevo tre bambini piccoli e non è stato facile tornare in Argentina e iniziare tutto da capo. Per me aver trovato trovare una persona come Mauro, che era giovanissimo, è stato importante: non è stata una scelta solo per me, l'ho scelto anche perché lui amava già i miei bambini.”

JUVENTUS -  “Educo i miei figli cercando soprattutto di trasmettergli personalità: ho anche un bambino tifoso della Juve, il più piccolo. E magari dirlo o mettere una foto sarebbe stato sconveniente. Il più grande invece è interista da sempre, anche prima di conoscere Mauro. Non posso dire a un bambino che va a scuola a Milano di non indossare una maglia per non infastidire Lopez. Penso che Maxi debba essere orgoglioso che io abbia scelto una persona che ama i nostri bambini.”

 

Potresti esserti perso