Vieri: “Inter da Scudetto, mai pensato Conte potesse lasciare”

L’ex giocatore ha parlato

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex calciatore Christian Vieri ha parlato intervistato dai microfoni de La Gazzetta dello Sport di alcuni temi legati al campionato di Serie A.

“Giocare in uno stadio vuoto? Per fortuna mai: sicuramente il mio voto sarebbe stato fra il 3 e il 4. Io un derby così strano, così condizionato da fattori esterni, non me lo ricordo. I tifosi allo stadio? Non credo lo pensi solo Mancini: il Covid e la salute vanno rispettati, ma riaprire un po’, piano piano e nel modo giusto, si può fare”.

“Ci vuole un po’ di entrambe le cose (esperienza e gioventù), ed entrambe le squadre in realtà le mescolano. All’Inter gente come Nainggolan e Vidal farà bene, ma si è aggiunta anche la freschezza di Hakimi. Il Milan è giovane, ma ha un numero uno, il “vecchio” Ibra: ribadisco, farà più di venti gol.  Ibrahimovic è l’esperienza che non ha eguali e racchiude tutto: tecnica, visione di gioco, il suo segnare, il far segnare e pure far giocare bene la sua squadra, perché alza il livello di qualità di tutti​”.

“Theo e Hakimi? Fortissimi tutti e due, la foto della qualità che sta tornando anche all’Inter e al Milan, non solo sulle fasce. Però Hakimi in questo momento è il miglior esterno destro del mondo: devastante”.

“Lukaku è “Unstoppable”, il treno del film con Denzel Washington: una forza della natura. Gli dai cinquanta metri di campo e lui ti sbrana, palla addosso il difensore non riesce ad anticiparlo mai. Cosa rivedo in me di lui? Il sinistro e i chili, ma lui è anche più grosso di me… E come gioca per la squadra: mi capita di guardarlo e dire “Ah, quella giocata l’avrei fatta anch’io così”, soprattutto quando cerca l’uno-due per mandare dentro gli altri. Per quello lui e Lautaro sono perfetti, insieme”.

Antonio Conte
Antonio Conte

“Mai pensato che Conte lasciasse l’Inter e comunque sarebbe stato un grande errore. Antonio è uno che chiede tanto, ma dà tanto: in pochi sanno cambiare una squadra in pochi mesi come lui. E ora ha l’Inter per vincere il campionato, sicuramente per giocarsela. Fascia o non fascia, da dietro rompeva le palle. Sentivi in continuazione: “Vai, vai, sali a pressare, vai a prenderli”. Lo ascoltate in tv? In questo non è cambiato di una virgola. Antonio è così, se lo prendi sai chi prendi: se vuoi un pupazzo scegli un pupazzo, e si sa chi sono; se vuoi Mourinho o Conte, li prendi, sai che avrai un allenatore di personalità e, però, poi non ti devi meravigliare se ogni tanto sbotta. Quando prendevi Vieri era lo stesso: sapevi che io non sarei stato zitto”.

“Inter da scudetto sì, Milan da Champions è dura. Ma nel calcio non si sa mai.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy