ATALANTA-JUVE / Il commento: altri tre punti d’oro con le firme che non ti aspetti

ATALANTA-JUVE / Il commento: altri tre punti d’oro con le firme che non ti aspetti

Altri tre punti pesantissimi per la Juventus, che all’Atleti Azzurri d’Italia si impone per 2-0 sull’Atalanta, restando così a più tre sul Napoli e più otto sulla Roma.

BERGAMO – Altri tre punti pesantissimi per la Juventus, che all’Atleti Azzurri d’Italia si impone per 2-0 sull’Atalanta, restando  così a più tre sul Napoli e più otto sulla Roma. Successo assolutamente meritato per una Juve cinica e spietata, che domina a lunghi tratti e, nel momento di maggiore spinta degli avversari, assesta il colpo del ko. Da segnalare il proseguo dell’imbattibilità di Gigi Buffon, arrivata a 836 minuti.

BARZAGLI GOL – Se ci si aspettava una reazione dal punto di vista dell’atteggiamento dopo il 3-0 patito a Milano dall’Inter, essa non si è fatta attendere. La Juve scende in campo con la cattiveria dei giorni migliori, disputando una prima frazione di altissima intensità, e dominando letteralmente l’Atalanta. Khedira fallisce un’occasione da ottima posizione in avvio, ma la Juve riesce comunque a sbloccare l’incontro con la zampata in mischia di Barzagli, che sfrutta una sponda di Mandzukic e batte Sportiello. Secondo gol per Barzagli in maglia bianconera, con il primo segnato proprio contro l’Atalanta 4 anni fa. Juve che reclama anche un calcio di rigore per una trattenuta in area su Pogba, con l’arbitro Valeri che lascia correre. Primo tempo comunque di livello davvero alto.

BENTORNATO LEMINA –  Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo, con la Juve all’attacco e i bergamaschi costretti in difesa. L’occasione più clamorosa capita a Mandzukic, che sradica letteralmente il pallone dai piedi di Sportiello, che si stava destreggiando in un disimpegno un po’ troppo lezioso, ma anzichè scaricare su Dybala cerca la conclusione personale in precario equilibrio, col pallone allontanato dalla difesa atalantina. Allegri fa poi entrare Lemina per Khedira e Sandro per Pereyra. L’Atalanta sfiora il pareggio all’84’ sugli sviluppi di un corner, dove però Conti non riesce a mettere dentro. La Juve riesce a trovare il colpo del ko con una grandissima azione personale di Mario Lemina, che scarta Paletta e batte Sportiello. Seconda rete in bianconero per Lemina, che in campionato non giocava dalla partita col Sassuolo di un girone fa.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy