ATALANTA-JUVE / Pagelle: Barzagli decisivo, bentornato Lemina!

ATALANTA-JUVE / Pagelle: Barzagli decisivo, bentornato Lemina!

La Juventus vince allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia tornando a +3 sul Napoli di Sarri grazie ai gol di Andrea Barzagli e Mario Lemina

Tuttosport

BERGAMO – La Juventus vince allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia tornando a +3 sul Napoli di Sarri grazie ai gol di Andrea Barzagli e Mario Lemina. Oltre al centrale difensivo, migliore in campo, molto bene anche la coppia d’attacco, oltre al rientrante Marchisio. Troppo nervoso Pogba, mentre Pereyra dimostra di non essere ancora al 100%. Queste le nostre pagelle:

Buffon 6,5 – Il portierone bianconero non viene quasi mai impegnato dalla squadra di Reja, che si limita a contenere la Juvenus. Nel finale la DEA cresce e prova a superare Gigi, che mantiene salda la sua porta e il suo record di imbattibilità, che sale a 836 minuti

Lichtsteiner 6 – Dopo la brutta prova contro l’Inter, Lichtsteiner si limita a coprire la sua zona e lo fa al meglio. La Juve soffre pochissimo e ritrova la sua solidità difensiva dopo i tre gol incassati a San Siro, con lo svizzero che torna sui suoi livelli fornendo una prestazione più che dignitosa.

Bonucci 6,5 – Dopo aver indossato la fascia da capitano quattro giorni fa, riconsegna la fascia a Marchisio e torna a comandare la difesa bianconera. L’Atalanta propone veramente poco e Bonucci non rischia mai, garantendo la solita qualità in fase di impostazione

Barzagli 7 – Il solito muro bianconero quest’oggi decide anche la sfida, con un gol che mancava da quattro anni, guarda caso proprio contro l’Atalanta. Un gol da rapinatore d’area di rigore sulla sponda di Mario Mandzukic, per il resto l’ennesima prestazione da grande difensore.

Evra 6 – Come Lichtsteiner, si limita a garantire la solidità difensiva dopo l’imbarcata di mercoledì e lo fa al meglio. In fase offensiva non è Alex Sandro e si vede, però la fase di copertura è impeccabile come sempre.

Khedira 6,5 – Quasi 70 minuti di ottima fattura quelli del centrocampista tedesco, bravo a recuperare palla e andare sempre in appoggio della coppia d’attacco. Dopo 10 minuti viene fermato da Sportiello dopo un perfetto inserimento dal centrodestra.

Marchisio 6,5 – Ritorna in cabina di regia dopo l’infortunio contro il Bayern e riesce a orchestrare al meglio le due fasi di gioco, garantendo maggiore solidità rispetto al suo sostituto Hernanes. Ci prova un paio di volte dalla distanza senza trovare il bersaglio grosso, ma la sua prova è comunque molto positiva

Pogba 5,5 – Dopo un buonissimo inizio si fa prendere dal nervosismo e sparisce dal campo. Domina nei primi 15 minuti di gioco si fisicamente che tecnicamente, poi un paio di fischi che lo hanno contrariato e il nervosismo ha la meglio, con il francese che si prende anche un cartellino giallo tanto inutile quanto sciocco

Pereyra 5,5 – L’argentino non è ancora al meglio e si vede. Allegri decide di dargli fiducia, ma l’ex Udinese non riesce a trovare lo spunto giusto ed esce dal gioco. Ha bisogno di ritrovare il ritmo partita, Pereyra è una pedina fondamentale nello scacchiere tattico di Allegri

Dybala 6,5 – Non segna da quattro partite, ma anche oggi la prova de “La Joya” è di pregevole fattura. Gioca più da trequartista che da attaccante e fra le linee atalantine fa quello che vuole, subendo tanti falli e facendo ripartire spesso l’azione. Manca solo il gol, ma anche quello arriverà a breve

Mandzukic 6,5 – Come Dybala, da tanto tempo non trova il gol ma questa è un’altra prestazione da grande attaccante. Svaria sul fronte offensivo giocando quasi da unica punta, riesce sempre a vincere tutti i duelli con i difensori atalantini e dà anche una mano in fase difensiva. Non ha ancora trovato il gol nel 2016, magari aspetta proprio la sua ex squadra per tornare al gol…

Lemina 7 –  Torna a giocare in campionato dopo quattro mesi e ritrova anche la via del gol. Mario Lemina entra a 20 minuti dalla fine e chiude la sfida a 5 dal termine con una magia da fuori area. Un ritorno importante in vista del finale di stagione

Alex Sandro s.v. – 

Morata s.v. – 

 

Allegri 6,5 – Dopo la trasferta di Bologna, decide di riproporre il rombo a centrocampo con Pereyra trequartista. L’argentino non è al meglio, ma la sua Juve controlla la partita per tutti i 90 minuti e porta a casa una vittoria importante in ottica campionato. Ritrova la solidità difensiva dopo l’imbarcata di San Siro, tre punti importanti per il morale e per la classifica

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy