Calcagno: “Il calcio professionistico non potrebbe reggere altre chiusure”

Le dichiarazioni

di redazionejuvenews
Umberto Calcagno

TORINO- Ai microfoni dell’ANSA, il vice-presidente dell’AIC Umberto Calcagno ha parlato dell’attuale situazione del calcio italiano: “Siamo di nuovo alle prese con il Covid e il mondo del calcio non è esente. Il settore giovanile, insieme a quello dilettantistico, sta già scontando grande restrizioni che rischiano di far crollare lo sport di base. Il mondo professionistico, poi, non potrebbe reggere altre chiusure. Manca uno sguardo critico sul passato che ci permetta di cambiare le prospettive sul futuro. Federazione e Leghe continuano a interrogarsi sul futuro, limitando la disamina del problema alle solite questioni inerenti il taglio degli stipendi, una soluzione comoda e populista, utile a distogliere l’attenzione. È necessario ragionare su una diversa distribuzione delle risorse quale base della riforma del calcio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy