JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Sconcerti: “Ad Allegri ha giovato questo periodo di inattività”

Sconcerti: “Ad Allegri ha giovato questo periodo di inattività”

Il noto giornalista ha parlato

redazionejuvenews

Il noto giornalista Mario Sconcerti ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di TMW Radio, dove ha parlato si del ritorno di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juve, sia del valzer di allenatori che si sta scatenando in questi ultimi giorni.

SU ALLEGRI - "Non so se abbia avuto realmente la possibilità di andare a Madrid... Magari avranno aspettato Zidane fino in fondo. Allegri poi, tornando alla Juventus, ha fatto un grande colpo economico: è l'unico che guadagna più di prima. Penso che stare due anni fermo non gli abbia giovato, forse ha fatto più fatica di quanto si pensasse a trovare una sistemazione".

SU SARRI - "Secondo me deve ripartire dalla Lazio, ma bisogna capire che garanzie gli danno. Non penso sia un problema di schema, ha un modo di giocare che non è fortemente legato agli schemi. Vorrà capire che faranno di Milinkovic-Savic, Luis Alberto e gli altri grossi giocatori che hanno e sono lì da tanto. In questo momento di povertà si cercano garanzie tecniche".

SU CONTE - "Intanto ha già riscosso il prossimo stipendio prendendo 7,5 milioni d'euro che è comunque l'ingaggio di un top club... Ci sono comunque Tottenham ed Everton volendo, e questo vale pure per Sarri, che in Inghilterra ha lasciato ottime impressioni. Conte invece ha fatto causa alla penultima sua squadra, mentre all'ultima l'ha lasciata a metà strada di brutto. Queste sono cose che contano per le società. Da eroe è improvvisamente scappato, dopo essersi preso i soldi".

SU ANCELOTTI - "Non è facile trovare un allenatore adatto al Real Madrid: deve certamente vincere, e ancor di più essere spettacolare. Chi ritorna è gente che ha grandi possibilità di gestione, come Ancelotti. Mi ha sorpreso e fatto piacere perché sono un vecchio amico di Carlo, l'avevo sentito qualche giorno fa per la triste morte della sua prima moglie. Per me è uno dei pochi all'altezza di quella panchina".