Juve, Ferrero: “Dispiaciuti per la scelta. Ora testa a Serie A e Coppa Italia”

Con un lungo messaggio pubblicato sul sito bianconero il presidente della Juve Ferrero ha parlato dell'esclusione dalla prossima Conference
Gianluca Ferrero

Dopo mesi di processi, penalizzazioni e colpi di scena, la vicenda plusvalenze ha avuto finalmente fine. La UEFA ha infatti escluso ufficialmente la Juve dalla prossima Conference League, costringendola anche a pagare una pesante multa. Per quanto la notizia sia di certo triste, per i bianconeri è un sospiro di sollievo. Seppur i bianconeri perderanno circa 80 milioni, infatti, non giocare la prossima Conference League non è un danno così grande. La Vecchia Signora potrà ora concentrarsi sul campionato, cosa che lo scorso anno era stata impossibile: la ricostruzione parte da qui.

Sul sito della Juve il presidente Ferrero ha detto: Siamo dispiaciuti per la decisione del UEFA Club Financial Control Body. Non condividiamo l’interpretazione che è stata data delle nostre tesi difensive e restiamo fermamente convinti della correttezza del nostro operato e della fondatezza delle nostre argomentazioni. Tuttavia, abbiamo deciso di non presentare appello contro questo giudizio. Questa decisione è in linea con quella presa lo scorso maggio nell’ambito dei contenziosi con la FIGC. Come in quel caso, preferiamo mettere fine al periodo delle incertezze e assicurare ai nostri stakeholders interni ed esterni la totale visibilità e certezza sulla partecipazione del club alle future competizioni internazionali.

Andare in appello ed eventualmente in altri gradi di giudizio, incerti negli esiti e nei tempi, aumenterebbe l’incertezza rispetto alla nostra eventuale partecipazione alla UEFA Champions League 2024/2025. Vogliamo invece che la prima squadra, i nostri tifosi, i nostri sponsor, fornitori e partner finanziari possano vivere la stagione 2023/2024 con la massima serenità e certezza rispetto ai risultati conseguibili sul campo. Tutto questo soprattutto dopo la turbolenta stagione passata. Nonostante questa sofferta decisione possiamo adesso affrontare la nuova stagione guardando il campo e non i tribunali sportivi. Adesso testa al Campionato e alla Coppa Italia: ci impegneremo al massimo per dare ai nostri tifosi le più grandi soddisfazioni possibili in queste competizioni“.
(juventus.it)