Notizie Juve: La Juve dei “bravi ragazzi”

Notizie Juve: La Juve dei “bravi ragazzi”

Notizie Juve: La Juve vince ma in tifoseria si dividono

di redazionejuvenews

 

Notizie Juve: Una serata da “bravi ragazzi”

Notizie Juve: Il Corriere di Torino sottolinea la disparità tra le curve allo Stadium durante il match contro l’Udinese. “È una serata da «bravi ragazzi» allo Juventus Stadium: in curva sud, in tutta l’arena, che per la prima volta si ribella alla dittatura dello sciopero ultrà e, soprattutto, in campo, con la sfilata dei Millennials, da Kean a Nicolussi Caviglia. La faccia più bella della Juve è quella di Moise Kean, 19 anni da una settimana, in versione One man show: due gol, un rigore procurato, e uno stop di tacco che ruba l’applauso a Cristiano Ronaldo. L’altro show c’è stato tutto intorno, perché chi era spettatore è diventato protagonista. Ovvero, la ribellione dello stadio, quasi tutto, alla curva sud, da sempre il cuore del tifo ultrà: che, da mesi, è in sciopero, di tifo e baccano, per il prezzo dei biglietti. O, almeno, quello è il motivo ufficiale. La realtà è molto più complessa, fatta di equilibri di poteri, e di rapporti, con il club e tra gruppi. Contestazione, dunque, roba mai capitata. L’onda (vocale) anomala s’innesca poco prima del raddoppio di Kean quando la tribuna nord, quella Family, inizia a cantare. È un focolaio che diventa incendio, con il raddoppio. La curva sud, fu Scirea, non apprezza: «La Juve siamo noi, la Juve siamo noi», intonano dal secondo anello, proprio sopra lo striscione dei Drughi, il gruppo più numeroso. Risposta dagli altri settori, un boato di fischi, impressionante. Riprende la curva ultrà, con concetto quanto mai esplicito: «E voi siete un pubblico di *». Altri fischi. «È una cosa mai successa, ed era ora», racconta un ex ultrà. Il concetto è che, tutti i domiciliati in sud dovrebbero seguire lo sciopero del tifo: solo che, la maggioranza silenziosa, ieri lo è stata un po’ meno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy