news

Mancini: “Il nuovo ciclo riparte da domani, ci sarà da soffrire”

Mancini: “Il nuovo ciclo riparte da domani, ci sarà da soffrire” - immagine 1

Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale italiana, ha analizzato la gara di domani sera con la Germania.

redazionejuvenews

Roberto Mancini, CT della Nazionaleitaliana, ha rilasciato delle dichiarazioni in conferenza stampa. Ecco le sue parole sulla Nations League: "Contro l'Argentina abbiamo pagato la perdita di giocatori, uno dopo l'altro. Noi non eravamo un gruppo così enorme e gli infortuni ci hanno condizionato: l'Argentina stava meglio di noi, avevano giocatori più freschi e forse è la prima gara in tre anni e mezzo dove troviamo una squadra che ci ha messo sotto, anche se abbiamo commesso due errori sui gol nel primo tempo. Ci vuole tempo, non ci inventiamo i giocatori e sappiamo che ci sarà da soffrire abbastanza. Affrontiamo le due squadre più forti del momento, Germania e Inghilterra. Sono davvero tra le migliori: hanno grandi giocatori e noi cambiando molto ci prendiamo tanti rischi. Sono partite che, dovessero andare bene a livello di gioco, potrebbe essere un buon inizio".

Sul ripescaggio: "Io ho detto che se ci dovessero ripescare andiamo... Ma non so le motivazioni, non ho parlato di possibilità. Sono cose che si sono viste poche volte, ma io ho solo detto che se ci ripescano ci andiamo. Se ci ripescano, per un motivo che non so quale sia, ho detto che ci andiamo visto che siamo la migliore squadra del Ranking tra le non qualificate".

Sulla ricostruzione: "Adesso abbiamo chiamato quelli che anche fisicamente ci stanno, diversi di loro giocano in Serie A da tempo, qualcuno no, ma sono nella condizione di poter giocare queste gare. Il filo conduttore è lo stesso: cercare giocatori con qualità, velocità, che non saranno come Verratti e Jorginho che giocavano in certe squadre e quindi ci vorrà un po' più di tempo. Se riuscissimo a dare dei minuti a questi ragazzi che non hanno mai giocato in nazionale, e a vederli integrati bene, sarebbe meglio. Poi a marzo magari ritroviamo anche qualcuno di quelli che oggi non è disponibile. La ripartenza è da adesso: ciò non vuol dire che ci oggi non c'è non ci sarà in futuro, anzi. Però il nuovo ciclo riparte da domani".