Capello rivela: “Provai a portare Messi alla Juve ma non fu possibile”

Intervistato dal Corriere dello Sport, Capello ha rivelato un retroscena di mercato: Messi sarebbe potuto essere un giocatore della Juve
Fabio Capello

Intervistato da Il Corriere dello Sport, l’ex allenatore di Milan e Juve Fabio Capello ha parlato della finale del Mondiale in Qatar: Mbappé probabilmente vincerà a raffica i prossimi Palloni d’Oro. La sua epoca è cominciata. Quello di Messi è un meraviglioso canto del cigno. Purtroppo non vedo in giro calciatori che possano raccogliere la sua eredità. Messi è stato l’erede di Maradona, Maradona l’erede di Pelé. Loro erano geniali, Mbappé è un realizzatore unico. È la fine del tiki-taka e del pallone che saltella. E agli arbitri dico: tenete in tasca il cartellino”.

Capello ha poi rivelato un interessante retroscena di mercato: “Io sono innamorato di Messi da quando lo vidi esordire nel trofeo Gamper e dopo venti minuti chiesi a Rijkard di darmelo per la Juventus. Ma non fu possibile“.

Messi sarebbe quindi potuto essere un giocatore della Juve. Incredibile anche solo a pensarlo, soprattutto visto che poi è arrivato Cristiano Ronaldo, da sempre suo acerrimo nemico. Grazie al Mondiale vinto ieri, La Pulce ha di fatto “battuto” CR7 visto che la Coppa del Mondo è l’unico trofeo che manca nella bacheca del fenomeno portoghese. Siamo però sicuri che l’epico scontro tra le due leggende non finirà mai.