Lo Chef di Ronaldo: “Colpito dalla sua umiltà. Il suo piatto preferito è il risotto al Barolo”

Parla lo chef di CR7

di redazionejuvenews
Cristiano Ronaldo, uomo copertina del gioco

TORINO – In una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Tuttosport, Davide Fiore, chef dell’omonimo ristorante ‘Casa Fiore’, che si trova nel centro di Torino, ha raccontato della prima volta in cui Cristiano Ronaldo ha messo piede nel suo locale, diventandone ad oggi, un cliente abituale.

SUL PRIMO INCONTRO – “È impossibile da dimenticare, sembrava di essere in un film. Mentre ero a casa a prepararmi per il servizio della serata ricevo una telefonata che non mi sarei mai aspettato. Una persona mi chiama per prenotare un tavolo da tre per Cristiano Ronaldo, per le 21.30. Ovviamente dico immediatamente di sì, ma poi penso: e adesso come faccio? Sapevo che il locale era già pieno, però visto l’orario contavo sul fatto che una prenotazione delle 19.30 finisse in tempo per le 21.30. Per sicurezza ho chiesto in prestito un tavolo al ristorante vicino e l’ho sistemato in un angolo. Cristiano, Georgina e il figlio grande, Cristianinho, sono arrivati alle 20. E lì mi sono detto: e adesso? I clienti sono rimasti a bocca aperta, non parlava più nessuno. E soprattutto nessuno voleva più alzarsi, erano catturati da CR7. Così ho fatto accomodare Cristiano nel tavolino d’emergenza, però il tempo passava e nessuno si alzava. Cristiano non batteva ciglio e come lui anche Georgina e il figlio. In quel frangente ho capito che Ronaldo, pur essendo una star mondiale e il miglior giocatore del mondo, è prima di tutto un ragazzo per bene. Vi posso assicurare che ho visto gente molto meno famosa di lui andarsene dopo cinque minuti, e con arroganza, in situazioni del genere. Lui, invece, ha aspettato il suo tavolo quasi quaranta minuti. Però si vede che si è trovato bene. Quattro giorni dopo era di nuovo da me e da quel momento ha cominciato a venire mediamente una volta a settimana. Anche Jorge Mendes, il suo agente”.

SUL PIATTO PREFERITO – “Sia lui sia Georgina hanno un debole per il risotto al Barolo con salsiccia di Bra e toma Raschera. Lo hanno mangiato anche a San Valentino. A Georgina piace molto anche la carbonara alla piemontese con il prosciutto crudo di Cuneo e la crema di Porri al posto delle uova. Se cucino il pesce, Cristiano adora il polpo rosticciato: viene prima cotto al vapore e poi passato sulla griglia. Ma questi sono i suoi strappi alla regola. A casa è un’altra cosa”.
 

SUL DOLCE – “Un risotto speciale. Di sicuro non un dolce, non gliene ho visto mai mangiare uno. Nemmeno al ristorante. L’unico che lo ordina è Cristianinho”.

SULLA MAGLIA – “Nei giorni precedenti alla tripletta con l’Atletico si era informato con me per sapere come si scrivesse il mio nome. E qualche giorno dopo la tripletta è venuto al ristorante con due maglie autografate, con dedica. Erano quelle che aveva utilizzato nel primo e nel secondo tempo in Champions. È una persona buona, dal cuore grande. Io in 50 anni non avevo mai visto una partita di calcio, ma da quando ho conosciuto lui mi sono appassionato alla Juventus”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy