Juventus-Roma, parla Sarri: “Non ho deciso la formazione, su Ronaldo decideremo domani. Le voci su Can e Bernardeschi non mi risultano”

Juventus-Roma, parla Sarri: “Non ho deciso la formazione, su Ronaldo decideremo domani. Le voci su Can e Bernardeschi non mi risultano”

Il tecnico bianconero analizza così la partita di domani

di redazionejuvenews

TORINO- Vigilia di coppa Italia per la Juventus che, dopo aver eliminato l’Udinese agli ottavi con un netto 4-0, attende ora la visita della Roma, già sconfitta in campionato poco più di una settimana fa. Match impegnativo quello con i giallorossi, che Maurizio Sarri analizzerà in conferenza stampa a partire dalle 18. Potrete seguire la diretta testuale della conferenza proprio qui su Juvenews.eu:

SULLA PARTITA- “La Roma in trasferta sta facendo bene, segna molto e subisce poco. Ci aspetta una gara difficile, contro una squadra di ottimo livello che può renderci la vita dura”.

SULLA FORMAZIONE- “Credo che il tridente con Costa sia riproponibile, l’importante è essere equilibrati e avere ordine. Gli interpreti possono cambiare, ma l’importante è restare ordinati in campo. Vedremo le condizioni dei ragazzi domattina, oggi abbiamo lavorato solo sulla tattica senza spendere molte energie come è normale a 36 ore dall’ultima partita. Ancora non ho deciso il modulo, ma è normale”.

SUGLI INFORTUNATI- “Cuadrado ha lavorato in palestra per non essere sottoposto al freddo. Alex Sandro non ha danni gravi, non parliamo di muscoli importanti per il calcio. Anche lui è da valutare”.

SU DE LIGT E BONUCCI- “Il cambio di ruolo era qualcosa che facevamo da tempo. Bonucci si sente a suo agio in quella nuova posizione”.

ANCORA FORMAZIONE- “L’imprevedibilità delle partite non può portarti a programmare su cinque o sei giocatori. Da giovedì l’importante sarà il Napoli, ma valutiamo in generale”.

SU RONALDO- “Spero che non ci sia mai fine a questo suo periodo di forma. Voglio essere positivo e credere che la mia squadra abbia margini di miglioramento. Su Cristiano valutiamo domattina come per gli altri se sta bene, credo però che possa fare tre gare a settimana. Non lo vedo come un problema per lui, ma ovviamente l’ultima parola spetta al giocatore. Nell’ultima gara di coppa aveva qualche linea di febbre e lo abbiamo fatto riposare, ma credo abbia recuperato”.

SULL’ULTIMA GARA CON LA ROMA- “I giallorossi sono forti, soffrire contro di loro in partita è normale. È accaduto anche al Barcellona, normale soffrire. Siamo usciti con tre punti da una gara difficile e non mi aspetto che domani sia facile”.

SU DZEKO E KALINIC- “Il bosniaco è difficile da sostituire, ma Kalinic è un giocatore importantissimo. Grandi attacchi della profondità, pericoloso di testa. Un calciatore completo, anche se ha avuto dei momenti di difficoltà. Quelli forti come lui però meritano attenzione in partita”.

SU RABIOT- “Ieri aveva un dito del piede gonfio, ma oggi stava meglio. Domani vedremo se potrà giocare. La sensazione è che abbia qualità importanti anche a livello di recupero. Sta crescendo molto nell’ultimo periodo, giocare con continuità gli ha fatto bene. Ieri ero pessimista per la sua presenza, oggi sono ottimista”.

SU DANILO- “Giocatore affidabile, ma difficilmente sbaglia una partita. Certe volte può essere poco vistoso, ma raramente sbaglia. A sinistra ha qualche problema in fase di uscita per via del piede, ma difensivamente è sempre affidabile. Rimane una figura importante nello spogliatoio, non è ai margini”.

SU HIGUAIN- “L’ho visto bene in allenamento. È un giocatore forte, importante, per motivi di equilibrio possiamo alternarlo agli altri attaccanti. Sta facendo un’ottima stagione. A questa età può essere cambiato rispetto a prima per modo di giocare, ma ha una qualità non comune, lavora per la squadra in un modo in cui non faceva un tempo”.

SU CAN E BERNARDESCHI- “Le voci di mercato non mi risultano e non mi interessano. Se la società non mi dà particolari segnali per me fanno parte della rosa come tutti gli altri. A me non risulta che debbano partire, sono a disposizione”.

SU DOUGLAS COSTA- “Non è al massimo ma fortunatamente sta bene. Con lui è difficile stabilire gli allenamenti perchè muscolarmente è a rischio. Siamo stati noi per scelta a rallentare con i carichi, ma è per evitare eventuali infortuni. Sta ritrovando continuità, anche se non è ancora al massimo della condizione”. Ma attenzione perché, proprio in queste ore, è arrivata un’altra clamorosa novità di mercato. Colpo di scena improvviso, pronta l’offerta per un acquisto immediato: “Paratici vuole chiudere subito!” >>>VAI ALLA NOTIZIA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy