Alex Sandro si racconta: “A 15 anni lavoravo per aiutare la famiglia, se oggi spendo 300 euro mi sento in colpa”

Alex Sandro si racconta: “A 15 anni lavoravo per aiutare la famiglia, se oggi spendo 300 euro mi sento in colpa”

Le parole del terzino brasiliano

di redazionejuvenews

TORINO- Arrivato a Torino ormai 4 anni fa, Alex Sandro è diventato con il tempo padrone della fascia sinistra bianconera. Il brasiliano, nelle prime due gare di questa stagione, si è segnalato tra i migliori della squadra di Sarri, pronto a chidergli gli straordinari nei prossimi mesi. In attesa di tornare in campo, il numero 12

si è raccontato ai microfoni del canale YouTube Panico Jovem Pan: “A 15 anni entrai a far parte delle giovanili dell’Atletico Paranaense, ma non guadagnavo molto. Il club mi dava 100 dollari al mese, che io usavo per aiutare la mia famiglia. Il club mi offriva vitto, alloggio e istruzione, quindi non avevo bisogno di fare spese folli. Ricordo che una volta, accumulati 300 dollari di risparmi, li diedi alla mia famiglia per aiutarla a ridipingere la facciata della nostra casa. Oggi, invece, molto spesso esco fuori a cena e spendo 300 o 400 euro. Dopo aver fatto il conto e aver visto a quanti real brasiliani equivalgono, molto spesso mi sento in colpa per averli spesi tutti insieme”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy