news

Vrioni: “Voglio tornare alla Juventus, con Morata bella amicizia”

Vrioni: “Voglio tornare alla Juventus, con Morata bella amicizia” - immagine 1

Giacomo Vrioni, attaccante del WSG Swarovski Tirol, ha parlato del suo futuro, con un cenno sulla Juventus.

redazionejuvenews

Giacomo Vrioni, attaccante del WSG Swarovski Tirol, ma di proprietà della Juventus, ha rilasciato delle dichiarazioni a Tuttosport, parlando della sua esperienza in Austria, visto che il classe '98 nell'ultima stagione ha siglato ben 19 reti nella Bundesliga. Ecco le sue parole: "Provo un grandissimo orgoglio. Adeyemi è un 2002 ed è uno dei migliori talenti a livello mondiale: non a caso lo scorso anno ha conquistato il “Golden Boy web” ed è stato premiato a Torino assieme a Pedri del Barcellona, eletto “Golden Boy best absolute”. Sono contento perché la scorsa estate, scegliendo il Wsg Tirol e una esperienza all’estero, era tutta una grande scommessa e adesso posso dire di averla vinta!. Quanto valgo? I prezzi li fa il mercato, io non ne ho proprio idea... Dopo essermi tolto questa soddisfazione in Austria, ora sono concentrato sull’Albania: abbiamo tre partite, due di Nations League e una amichevole".

Su Alvaro Morata: "Consigli? Con Alvaro è nata una bella amicizia, che va anche oltre il campo: ci sentiamo ancora. Ma più che i consigli e le parole, quando ti alleni con dei campioni del genere quello che conta è l’esempio. Basta guardare come si muovono e come tirano, per imparare. Io ho cercato di “rubare” il più possibile a Cristiano e a tutti gli altri. A partire dall’atteggiamento: quest’anno, finito l’allenamento con i compagni, mi sono sempre fermato in campo per esercitarmi nei controlli di palla e nelle conclusioni. E il lavoro paga: nei 19 gol c’è un po’ di tutto... Destro, sinistro, testa e pure la pancia...".

Sul futuro: "Il mio obiettivo è quello di tornare alla Juventus: ora mi sento più pronto e maturo. Vedremo cosa decideranno i dirigenti e il mio agente Silvio Pagliari. Dusan? Non sembra un ragazzo del 2000. Di Vlahovic mi colpisce la cattiveria sotto porta. Senza quello spirito non segni 24 gol in Serie A".