JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

TOP e FLOP Verona-Juventus: disastro su tutti i fronti, si salva solo Dybala

Arthur Melo

Ennesima prestazione da brividi per la Juventus di Massimiliano Allegri. L'unico ad essere pericoloso è Dybala, il resto...

redazionejuvenews

Partiamo da un semplice presupposto: ieri sera contro l'Hellas Verona la Juventus ha giocato male, veramente male. Inutile girarci intorno, inutile cercare possibili capri espiatori, i gialloblù hanno vinto meritatamente. E poco importa se nel finale la squadra di Massimiliano Allegri si è spinta in avanti cercando con insistenza il gol del pari: se fosse arrivato sarebbe stato immeritato. Detto questo, è ormai chiaro a tutti che gli obiettivi stagionali dei bianconeri debbano per forza di cose essere ridimensionati. "Siamo una squadra da metà classifica, dobbiamo accettare la realtà", ha detto ieri in conferenza stampa post partita Massimiliano Allegri. Ad ora la Juventus può sperare in un piazzamento in Champions League, che rimane tutto tranne che scontato.

Tra le fila bianconere l'unico a salvarsi è Paulo Dybala. Senza Federico Chiesa, il fantasista argentino diventa il fulcro di tutto il gioco della Juventus. Si abbassa per ricevere palla, dribbla, smista palloni per i suoi compagni e va più volte al tiro, colpendo anche la traversa. Se togliessimo la Joya, la Juventus non avrebbe nessuna possibilità di attaccare. Il numero 10 è l'anima della squadra di Massimiliano Allegri, l'unico a provarci fino in fondo... gli altri sono praticamente tutti da bocciare.

Cercare chi sia stato il peggiore in campo tra i giocatori della Juventus è un'operazione particolarmente complessa. Partiamo quindi dalle certezze (per modo di dire): il centrocampo è senza dubbio il reparto peggiore di questa squadra. Bentancur, Arthur, Rabiot, tutti decisamente insufficienti, da quattro in pagella. Il mediano brasiliano dovrebbe aggiungere precisione e geometrie, il centrocampista uruguagio dovrebbe supportare l'attacco. La realtà dei fatti racconta invece soltanto tanti palloni sbagliati in fase di impostazione. Rabiot è un caso: il perchè Allegri lo continui a schierare esterno nel 4-4-2 è mistero. Fuori ruolo e impreciso, non aiuta mai la manovra offensiva bianconera. L'altro grande bocciato è Morata, che conferma quanto visto contro il Sassuolo. L'attaccante spagnolo è troppo solo in avanti, costretto a combattere con tutti i difensori centrali. Ci prova, si sbatte, fa movimento, ma non riesce mai ad essere pericoloso. Per lui soltanto un colpo di tacco da dentro l'area che viene parato da Montipò, per il resto il nulla.